skip to Main Content

Torna in Italia la tuffa phishing a tema Poste Italiane. L’esca è una falsa email dell’operatore e un presunto pacco in giacenza. Obiettivo: rubare i dati personali e della carta di credito delle vittime

Torna in Italia il phishing a tema Poste Italiane. L’esca è una falsa email dell’operatore in cui si avvisa che la vittima ha ricevuto un messaggio.

Il link punta a una falsa pagina di Poste in cui si segnala che c’è un pacco in giacenza e si chiede di riprogrammare la spedizione, pagando un piccolo contributo. La schermata finale mostra un modulo dove inserire i propri dati personali e della carta di credito.

Ultimate le operazioni, apparirà un messaggio in cui si spiega che l’iter è stato completato con successo e che a breve il pacco arriverà a destinazione. E’ tutto falso. E’ solo un trucco per rubare le informazioni sensibili della vittima da usare successivamente in modo fraudolento. La trappola è espressamente rivolta a utenti italiani. Se la potenziale vittima apre il link dell’email con un IP estero, infatti, apparirà solo una schermata bianca. La frode, peraltro, è particolarmente insidiosa in quanto è stata diffusa scientemente in un periodo particolare: il Natale, in cui si registrano boom di acquisti online e di spedizioni. Di conseguenza, ci sono concreti rischi che la soglia di attenzione degli utenti sia più bassa.

CyberSecurity, ACN pubblica le Linee Guida sulla conservazione delle password
Il documento, realizzato in collaborazione con il Garante per la Protezione dei Dati Personali, è…

CyberSecurity, ACN pubblica le Linee Guida sulla conservazione delle password

Il documento, realizzato in collaborazione con il Garante per la Protezione dei Dati Personali, è il primo di una serie che aiuteranno a proteggere il cyberspace in cui tutti ci muoviamo.
Back To Top