skip to Main Content
Cybercrime, Ursnif/Gozi usa vere email compromesse nella campagna in Italia
Nel messaggio c’è un allegato compresso protetto da password con all’interno un file doc. Questo…

Cybercrime, Ursnif/Gozi usa vere email compromesse nella campagna in Italia

Nel messaggio c’è un allegato compresso protetto da password con all’interno un file doc. Questo contatta un link e scarica la dll che avvia l’infezione del malware.
Cybercrime, false fatture Bartolini- Enel Energia esche per Ursnif/Gozi in Italia
L’allegato xlsm, se aperto, contatta un unico link e scarica la Dll che avvia l’infezione…

Cybercrime, false fatture Bartolini- Enel Energia esche per Ursnif/Gozi in Italia

L’allegato xlsm, se aperto, contatta un unico link e scarica la Dll che avvia l’infezione del malware. In questa campagna la fattura è in chiaro nel testo della mail.
Cybercrime, Ursnif/Gozi torna in Italia con la campagna MEF-MISE
Esche: riapertura delle attività commerciali ed emergenza Covid-19. L’allegato xls, diverso in ogni mail, contatta…

Cybercrime, Ursnif/Gozi torna in Italia con la campagna MEF-MISE

Esche: riapertura delle attività commerciali ed emergenza Covid-19. L’allegato xls, diverso in ogni mail, contatta unico link e scarica la DLL che avvia l’infezione del malware.
Cybercrime, l’ultima campagna Ursnif in Italia sfrutta MEF e MISE
L’esca è la riapertura delle attività commerciali per l’emergenza Covid-19. L’allegato xlsb contatta unico link…

Cybercrime, l’ultima campagna Ursnif in Italia sfrutta MEF e MISE

L’esca è la riapertura delle attività commerciali per l’emergenza Covid-19. L’allegato xlsb contatta unico link e scarica DLL che avvia l’infezione del malware. Aperti 200 domini ad hoc.
Cybercrime, INPS dal malware diventa protagonista del phishing in Italia
Gli esperti di cybersecurity del CERT-AGID: L’obiettivo è rubare dati personali e credenziali alle vittime,…

Cybercrime, INPS dal malware diventa protagonista del phishing in Italia

Gli esperti di cybersecurity del CERT-AGID: L’obiettivo è rubare dati personali e credenziali alle vittime, tramite sms o mail sulle indennità, associati a falsi siti dell’Istituto.
Back To Top