skip to Main Content
Cybercrime, torna in Italia la campagna Ursnif/Gozi via Agenzia delle Entrate
L’allegato zip della mail contiene un file xlsb. Questo contatta un solo url, diverso in…

Cybercrime, torna in Italia la campagna Ursnif/Gozi via Agenzia delle Entrate

L’allegato zip della mail contiene un file xlsb. Questo contatta un solo url, diverso in ogni messaggio, e scarica la dll che avvia l’infezione del malware. Ma solo da IP italiani.
Cybercrime, stessa mano dietro alle campagne Ursnif/Gozi su INPS-Agenzia delle Entrate in Italia?
Gli esperti di cybersecurity del CERT-AgID hanno rilevato forti similitudini. Dai nomi alle catene d’infezione…

Cybercrime, stessa mano dietro alle campagne Ursnif/Gozi su INPS-Agenzia delle Entrate in Italia?

Gli esperti di cybersecurity del CERT-AgID hanno rilevato forti similitudini. Dai nomi alle catene d’infezione del malware. Anche i testi sono mixati.
Cybercrime, Ursnif/Gozi in Italia passa dall’Agenzia delle Entrate
Nuova campagna malspam sfrutta falsa “disposizione” per far aprire l’allegato. Questo contatta un unico link…

Cybercrime, Ursnif/Gozi in Italia passa dall’Agenzia delle Entrate

Nuova campagna malspam sfrutta falsa “disposizione” per far aprire l’allegato. Questo contatta un unico link da una lista interna e scarica una DLL da cui parte l’infezione del malware.
Cybercrime, Agenzia delle Entrate ancora esca per diffondere Ursnif/Gozi in Italia
L’esperto di cyber security JAMESWT: Falsa comunicazione sui versamenti IVA. L’allegato avvia all’infezione del malware,…

Cybercrime, Agenzia delle Entrate ancora esca per diffondere Ursnif/Gozi in Italia

L’esperto di cyber security JAMESWT: Falsa comunicazione sui versamenti IVA. L’allegato avvia all’infezione del malware, che punta solo il nostro paese.
Cybercrime, terza campagna malspam per diffondere Ursnif (Gozi) in Italia
L’ha scoperta il ricercatore di cyber security JAMESWT. L’esca è sempre l’Agenzia delle Entrate, ma…

Cybercrime, terza campagna malspam per diffondere Ursnif (Gozi) in Italia

L’ha scoperta il ricercatore di cyber security JAMESWT. L’esca è sempre l’Agenzia delle Entrate, ma il malware viene distribuito da nuovi link e file excel. Le aggressioni proseguiranno.
Back To Top