skip to Main Content

Pesco e fake news nella road map europea: Italia osservato speciale

Pesco E Fake News Nella Road Map Europea: Italia Osservato Speciale

Pesco al centro del vertice dei capi di Stato e di governo dell’Ue

Pesco, cioè difesa unica europea, Brexit e immigrazione sono i temi al centro del vertice dei capi di Stato e di governo dell’Unione europea che si terrà oggi e domani a Bruxelles. Sulla Difesa Comune si attendono i primi risultati concreti, ossia l’avvio della Cooperazione strutturata permanente dopo la presentazione dei primi 17 progetti (leggi qui l’approfondimento). Questa mattina, prima del vertice ufficiale, si è svolto l’incontro dei capi di Stato e di governo dei paesi di Visegrad – Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia – cui hanno partecipato il presidente del Consiglio dell’Italia, Paolo Gentiloni e il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker.

Dai Paesi Visegrad 35 milioni per stabilizzare la Libia

Durante l’incontro i quattro paesi si impegneranno a contribuire alla “finestra Nord Africa” del Trust Fund dell’Ue per il continente africano, con una cifra complessiva di 35 milioni di euro. Le risorse nello specifico saranno dirette all’attuazione di programmi in Libia, in particolare per quanto riguarda la gestione delle frontiere del paese, nel quadro del Trust Fund.

Accordo per promuovere Edip – European defence industrial development programme

Il vertice sulla Difesa vero e proprio si aprirà però oggi pomeriggio con una discussione sulla cooperazione con la Nato a cui è stato invitato anche il segretario generale del Patto Atlantico, Jens Stoltenberg, (riconfermato nel suo incarico fino al 2020). In agenda c’è poi finalmente l’adozione formale della Cooperazione strutturata permanente (Pesco) per la cooperazione europea nel settore della difesa. Intanto, sempre da Bruxelles, è arrivata la notizia dell’accordo che Ventotto stati membri dell’Ue hanno trovato sulla proposta di regolamentazione dell’Europarlamento e del Consiglio per dare vita al Programma europeo di sviluppo del settore industriale della difesa (European defence industrial development programme-Edidp).

Pesco, 500 milioni in due anni per il comparto industriale difesa

Obiettivo della proposta – che è parte integrante del Fondo europeo per la difesa – è quello di creare un programma volto a sostenere la competitività e la capacità d’innovazione dell’industria europea della difesa. Importante lo stanziamento economico: il budget è infatti di 500 milioni di euro per il biennio 2019-2020. Nel 2018 cominceranno i negoziati tra Consiglio e Parlamento Ue per finanziare i primi progetti nell’ambito del programma nel 2019.

Portato a 5 milioni lo stanziamento per la task-force anti fake news

Non ufficialmente in agenda, ma sicuramente presente sul tavolo del vertice (e più ancora della cena di questa sera) anche il tema delle fake news, problema che sembra più al centro della politica internazionale europea. La Commissione Europea ha infatti portato a 5 milioni di euro lo stanziamento per la task force. Inoltre, a breve si insedierà un comitato di esperti che fotograferà la situazione della disinformazione in Europea e aiuterà la Commissione stessa a formulare proposte di contrasto alla disinformazione. Anche in questo caso l’Italia è un osservato speciale: da più parti infatti si sottolinea il rischio di un’infiltrazione di agenti esterni nella prossima campagna elettorale. Ufficiale il riferimento all’attività della Russia, che vorrebbe favorire la salita al governo di forze anti-europee (Lega e M5S) con l’obiettivo di indebolire l’Unione.

Back To Top