skip to Main Content

Arturo Di Mascio sulla lotta al terrorismo: “In Italia la storia ci protegge”

Arturo Di Mascio Sulla Lotta Al Terrorismo: “In Italia La Storia Ci Protegge”

Il bilancio della situazione terroristica globale è in rosso

Arturo Di Mascio, tra i pionieri della finanza e collaboratore di governi, ambasciate e global player, sul terrorismo in Italia ha un approccio un po’ diverso dalla massa. Un approccio interessante da conoscere. Si pone sul tema con lo stesso modus operandi che ha nel suo precipuo settore. Quello che l’ha fatto diventare uno dei nomi della finanza apprezzati in tutto il mondo. Se si guarda con occhio analitico la società moderna occidentale e i fatti di cronaca che la contraddistinguono in modo non ideologico, infatti, si capisce che il bilancio della situazione terroristica globale è in rosso. Lo è per ragioni che vanno ricercate molto tempo addietro rispetto al D-Day dell’11 settembre 2001 e che spiegano anche perché la situazione è ancora sicura nel nostro paese. Cerchiamo di entrare meglio in questa nuova ottica.

Per capire la sicurezza nel mondo e in Italia bisogna valutare il “bilancio” in uno storico più ampio

“Purtroppo l’argomento del terrorismo è estremamente attuale e so bene che affrontarloè sempre difficile – ha sottolineato Arturo Di Mascio -; perché si rischia di cadere in cliché o frasi banali. Attenzione, però. Il terrorismo non è certo un fenomeno recente, soprattutto in Europa. E’ sempre stato legato a questioni politico-ideologiche interne allo Stato e così va visto se si vogliono individuare i suoi punti deboli. Le moderne modalità di attentato stanno creando non pochi problemi alle intelligence degli stati, in quanto è difficile prevedere gli attacchi di queste mine vaganti ed è impensabile arrivare anche a soluzioni di compromesso. Chi combatte in nome di una così forte ideologia ha come unico obiettivo la distruzione del nemico. Eppure gli italiani che non hanno vent’anni certe scene le conoscono bene. Abbiamo vissuto gli anni di piombo e questo, oltre a incresciosi fatti di sangue, ha allenato i nostri Servizi Segreti a gestire meglio certi meccanismi“.

Guardare indietro per guardare avanti, quindi, in modo tale che il rosso del suddetto bilancio, ma anche del sangue delle vittime riportate dalla cronaca, sia presto sostituito da un numero positivo nel bilancio della sicurezza internazionale.

La storia del terrorismo in Italia

Informarsi, quindi, per vincere e controbattere. Ecco svelata la ragione per cui Arturo Di Mascio sul terrorismo consiglia di andare a recuperare i tanti libri che trattano l’argomento e, più nello specifico, che spiegano come si sia sviluppata la storia del terrorismo in Italia.

Sarà più facile rispondere al perché in Italia non ci sono attacchi terroristici fino ad oggi vedendo quello che abbiamo già passato con le Brigate Rosse e con  tutti gli anni di piombo. Bella o brutta che sia, l’esperienza genera sempre know-how.

Arturo Di Mascio chi è

Nato l’11 di Marzo del 1965 a Napoli, si laurea giovanissimo in Scienze Politiche e si trasferisce subito in Svizzera e poi negli Stati Uniti, dove acquisisce l’esperienza necessaria per gestire trattative estremamente complesse.

Le sue consulenze finanziarie sono in grado di farlo arrivare anche nel continente africano. E’ consigliere di vari governi, ambasciate e consolati generali africani e dell’America del sud per lo sviluppo finanziario e commerciale.

Sta per pubblicare il suo nuovo libro “L’Oro di Napoli”, in cui intervista le eccellenze della città sul loro legame col capoluogo partenopeo. I due precedenti libri di Arturo Di Mascio sono scaricabili ai link:

 

Back To Top