skip to Main Content

Ucraina: la Russia, nonostante più armi e uomini, non rompe le linee di difesa nemiche

La Russia, nonostante più armi e uomini, non rompe le linee di difesa ucraine. Le truppe di Mosca avanzano solo alle periferie di Lyman e Lozove, mentre quelle di Kiev arrivano a Staryi Saltiv. Continuano i lanci di missili su Mariupol e Odessa

La Russia, nonostante abbia incrementato notevolmente il volume di fuoco e cominciato a impiegare sistemi d’arma più potenti, non riesce ad avanzare in Ucraina. Lo confermano gli scarsi risultati ottenuti in giornata dalle truppe di Mosca. Queste sono avanzate leggermente alla periferia di Lyman e Lozove, obbligando i soldati di Kiev a ripiegare a nord del fiume Donets, ma non sono riuscite a rompere la loro linea difensiva. Inoltre, gli ucraini hanno fatto progressi sul fronte di Staryi Saltiv e a sud di Niu York (Horkliva). Sembra, peraltro, che nel corso dell’offensiva abbiano fatto esplodere un ponte, usato dai nemici per trasferire uomini e rifornimenti. Intanto, sono rirpresi i bombardamenti sull’acciaieria Azovstal a Mariupol e su Odessa. La Russia, infatti, continua a cercare di indebolire le difese ucraine con i missili per evitare quando possibile il contatto diretto con il nemico.

Back To Top