skip to Main Content

Siria, l’ultimo gruppo Isis del “Micro Califfato” a Deir Ezzor si arrende alle SDF

Siria, L’ultimo Gruppo Isis Del “Micro Califfato” A Deir Ezzor Si Arrende Alle SDF

L’ultimo gruppo di miliziani Isis del “Micro califfato” a Deir Ezzor si arrende alle SDF. A Baghuz Fawqani rimane solo un pugno di jihadisti dello Stato Islamico, con le famiglie usate come scudi umani

Isis a Deir Ezzor è finito, definitivamente. Gli ultimi miliziani dello Stato Islamico nella provincia siriana, barricati in una piccola area a Baghuz Fawqani, si sono arresi alle SDF di Operation Round (Jazeera Storm). Ne rimangono una quarantina con le famiglie, che i jihadisti Daesh non esitano a usare come scudi umani, ma la maggior parte di esse è stata evacuata in queste ore con pullman giunti appositamente nella zona. Non è chiaro se le forze arabo-curde entreranno nell’accampamento o aspetteranno ancora. Quello che è certo, però, è che ciò che una volta era un vero e proprio esercito, oggi si è ridotto a un pugno di uomini. Questi, peraltro, si combattono tra loro. Gli operatori umanitari, che portano cibo e acqua nel campo IS, hanno riferito di aver visto diversi corpi di estremisti sul terreno. Uccisi dai loro compagni, in quanto volevano arrendersi.  

Intanto, Jazeera Storm continua la bonifica della provincia siriana dalle mine e dagli ordigni Daesh. Parallelamente, proseguono le ricerche dei fuggitivi, sia in superficie e tra gli sfollati, sia nei tunnel sotterranei

Intanto, le SDF proseguono le evacuazioni dei civili da Baghuz Fawqani, soprannominata da qualche giorno il “Micro Califfato”, dopo la sconfitta militare totale subita da Isis a Deir Ezzor. Parallelamente, Jazeera Storm, continua a sminare quelle che una volta erano le roccaforti dello Stato Islamico nella provincia siriana. Da Hajin a Sha’Fah, per permettere quanto prima agli abitanti locali di tornare alle loro case. Le operazioni, però, potrebbero richiedere settimane. Soprattutto a sud. Ciò, a seguito del fatto che i jihadisti Daesh hanno riempito i villaggi di ordigni, nello sforzo disperato ma vano di rallentare l’offensiva nemica. Inoltre, sono in corso ricerche serrate in tutta l’area di possibili fuggitivi. Sia in superficie e tra gli sfollati sia nelle fitte reti di tunnel sotterranei, che i miliziani hanno creato nel tempo.

Back To Top