Siria, si intensificano i raid iracheni contro Daesh a Deir Ezzor

Siria Syria Deirezzor Sdf Isf Iraq Baghuz Hajin Shafah Harse Isis Daesh Statoislamico Islamicstate Merv Jazeerastorm

L’Iraq intensifica i raid aerei contro Isis a Deir Ezzor. I caccia delle ISF attaccano Sousah e Sha’Fah, mentre le SDF di Jazeera Storm avanzano sull’asse

Continuano in Siria gli attacchi iracheni contro lo Stato Islamico a Deir Ezzor, a supporto dell’operazione Jazeera Storm (Cizire Storm) delle SDF. Nelle scorse ore i caccia delle ISF hanno effettuato raid sull’asse meridionale delle manovre anti-Daesh. In particolare sono avvenuti bombardamenti a Sousah e Sha’Fah, nella campagna di Abu Kamal (Al Bukamal), dove si registrano elevate concentrazioni di miliziani. Inoltre, sono stati abbattuti droni armati Isis nell’area di Hajin, dove le forze arabo-curde stanno avanzando verso la città. Gli attacchi coordinati sono stati resi possibili dalla conquista di Baghuz, grazie a cui al confine tra i due paesi sono state installate recentemente torri per le TLC. Queste permettono alle SDF e alle ISF di operare in sicurezza, senza mettere a rischio la vita delle truppe sul terreno.

Si punta a separare e a isolare i gruppi dello Stato Islamico nella provincia siriana. Una volta conquistato l’asse, ci sarà la battaglia finale nel mezzo della Middle Euphrates Valley

L’obiettivo degli attacchi combinati SDF-ISF è fiaccare le difese del Daesh a Deir Ezzor e dividere ulteriormente i jihadisti sull’asse sud (Hajin-Harse) in tre gruppi separati e isolati. Ciò in modo poi da poterli sconfiggere più facilmente. Soprattutto oggi che i jihadisti dello Stato Islamico non hanno più accesso all’area di confine tra Siria e Iraq, sita nella parte meridionale della provincia siriana. A breve, comunque, le forze arabo-curde arriveranno ad Hajin dove è prevista una forte resistenza di Isis e in cui – secondo fonti d’intelligence di Baghdad – si potrebbe nascondere anche Abu Bakr al-Baghdadi. Intanto, si pressa anche da sud – verso Harse – per risalire lungo la sponda orientale dell’Eufrate e arrivare a Sha’Fah. Una volta prese le due città, l’asse sarà praticamente conquistato e si passerà alla battaglia finale: quella a est nel pieno della Middle Euphrates Valley.