skip to Main Content

Siria, SDF e Inherent Resolve smantellano un network Isis a Deir Ezzor

Siria, SDF E Inherent Resolve Smantellano Un Network Isis A Deir Ezzor

Maxi operazione congiunta di SDF e Inherent Resolve contro Isis a Deir Ezzor: smantellato un network di cellule dello Stato Islamico. Non ci sono dettagli, ma la festa improvvisata dai combattenti curdi fa pensare che i jihadisti abbiano subito un duro colpo

Maxi operazione congiunta delle SDF e di Inherent Resolve nell’est della Siria contro un network Isis. Le forze curde e i militari della Coalizione Internazionale hanno effettuato una serie di raid mirati a Deir Ezzor contro una rete di cellule dello Stato Islamico, smantellandole. A riguardo non sono stati forniti ulteriori dettagli, ma sembra che sia stata una manovra estremamente importante, a seguito della quale Daesh ha subito un colpo duro. Non a caso, a operazione conclusa, tra le SDF è scoppiata la gioia. Le forze speciali curde (HAT), infatti, hanno inscenato una sorta di ballo di gruppo e al passaggio dei mezzi sorridendo mostravano la V di vittoria con le dita. Nelle prossime ore potrebbero emergere maggiori informazioni, che permetteranno di capire meglio la portata di quanto accaduto. Di certo c’è, intanto, che combattenti curdi e Inherent Resolve recentemente hanno aumentato il pressing su IS.

Daesh, intanto, prova a difendersi collocando mine e IED nelle aree strategiche, allo scopo di rallentare il nemico e guadagnare tempo

Intanto, le SDF a Deir Ezzor stanno bonificando Busayrah, Shahil e Dhiban dalle mine Isis. I miliziani dello Stato Islamico le hanno collocate per rallentare i movimenti del nemico nell’area, una delle più coinvolte nelle operazioni, a seguito del fatto che è l’epicentro da cui i jihadisti si infiltrano nell’est della Siria attraverso l’Eufrate. Qui, inoltre, operano le reti logistiche e di supporto Daesh, che si occupano di far arrivare i terroristi da ovest e “smistarli” nella regione (attraverso la Shaddadi Road) o di trasportarli fino all’Iraq. Non a caso, le forze curde vi effettuano periodicamente raid, che minano la capacità operativa di IS. Di conseguenza, i fondamentalisti hanno adottato recentemente una sorta di “piano di difesa” per limitare i rischi che il nemico smantelli i network, il quale prevede proprio l’impiego di mine e IED allo scopo di far guadagnare loro tempo.

Il video in cui le SDF festeggiano il successo dell’operazione anti-Isis

SDF capture 8 ISIS fighters during large-scale clearance

The SDF captured eight known ISIS fighters and affiliates, along with weapons and ammunition, during a large-scale clearance operation in Deir ez-Zor province, Syria, Jan. 31. The operation aimed to isolate an ISIS sleeper cell, capture its members and degrade attacks across the region.“Our partners continue to conduct intelligence-driven operations, removing ISIS fighters from the region and denying them safe haven,” said U.S. Air Force Maj. Gen. Eric T. Hill, Special Operations Joint Task Force – Operation Inherent Resolve commander. “Our enduring partnership is keeping pressure on ISIS networks in order to maintain peace and stability for over 3 million people living in northeast Syria.” Coalition Forces accompanied hundreds of SDF commandos who raided several compounds. The Coalition to defeat ISIS and the SDF have been conducting an increasing number of bi-lateral operations in northeast Syria, with three to four operations occurring each week.“The defeat ISIS mission in Syria has proceeded uninterrupted in recent weeks,” said Hill. Coalition Forces and the SDF continue to cooperate in their mutual efforts to eliminate extremist networks from northeast Syria. Combined Joint Task Force – Operation Inherent Resolve – عملية العزم الصلبU.S. Central Command

Posted by SOJTF-OIR on Monday, February 3, 2020

Back To Top