Siria, le SDF a Deir Ezzor spingono Isis al confine con l’Iraq

Syria Siria Hajin Abuzeid Albaghdadi Fsa Alnusrafront Syria Hajin Bahra Alqaeda Islamicstate Jazeerastorm Deirezzor Merv Badia Iraq Talafar Lice Tifo Typhus Epidemia Epidemy Scabbia Scabbies Operationroundup Sdf Jazeerastorm Brettmcgurk Mikepompeo Usa Merv Nineveh Deirezzor Iraq Baghdad Raqqa Inherentresolve Dashisha Operationroundup Captagon Hajin Sousah Shafah Sdf Jazeerastorm Saa Iraq Isf Ramadan Deirezzor Abukamal Eufrate Euphrates Islamicstate Statoislamico Is Cizirestorm Syrianarmy Iraq Deirezzor Islamicstate Isis Isil Rawa Siria Bahrounnaim Indonesia Giacarta Abukamal Albukamal Merv Propaganda Radicalizzazione Reclutamenti Lupisolitari Daesh Anbar Isf Abukamal Siria Qaim Rawa Annah Merv Middleeuphratesvalley Statoislamico Is Rawa Qaim Anbar Deirezzor Popolazione Bandiera Iraq Siria Bambini Tortura Mosul Tal Afar Raqqah Isil Daesh Stato Islamico Siria Islamicstate Daesh Iraq Esercito Alqaeda Occidente Intelligence Humint

Le SDF a Deir Ezzor sono sempre più vicine al confine tra Siria e Iraq nella Middle Euphrates Valley (MERV) attaccano Isis a Khirbet Al-Shairat

Le SDF a Deir Ezzor sono sempre più vicine al confine tra Siria e Iraq a est di Dashisha e hanno attaccato Isis a Khirbet Al-Shairat. L’obiettivo dell’operazione Round Up è assumere il controllo completo della strada che porta alla frontiera con il paese vicino a Makhfar Tall Asfuk. Poi, scenderanno a sud nella Middle Euphrates Valley (MERV), operando insieme alle ISF di Baghdad e alla Coalizione Internazionale, per chiudere la sacca di resistenza dello Stato Islamico. Infine, attaccheranno l’ultimo nucleo del Daesh della provincia, che si trova tra Hajih e Harse. I miliziani, peraltro, invece di rispondere all’offensiva arabo-curda continuano ad attaccare l’esercito siriano (SAA) e i suoi alleati a ovest dell’Eufrate. L’ultima aggressione, respinta, è avvenuta presso i villaggi di Sukaryah e Hamdan, lungo il fiume. L’obiettivo dei jihadisti rimane quello di crearsi un corridoio di fuga a occidente.

Da Inherent Resolve un doppio colpo allo Stato Islamico: ucciso uno dei capi dei finanziamenti a Daesh con la vendita di petrolio e gas, nonché sequestrato un maxi carico di Captagon, la droga del combattente, per un valore di oltre 1,4 milioni

Anche Inherent Resolve ha assestato due colpi molto duri a Isis in Siria. Il primo è l’uccisione di un importante leader dello Stato Islamico: Abu Khattab Al-Iraqi, che sovrintendeva i finanziamenti ai jihadisti tramite il contrabbando di petrolio e gas. Il secondo è la confisca di una partita di droga del Daesh per un controvalore di oltre 1,4 milioni di dollari. Anche la vendita degli stupefacenti doveva servire a supportare economicamente le attività dei miliziani. L’operazione è avvenuta nell’areadi At Tanf ed è stata effettuata da Maghawir al- Thowra, partner della Coalizione.  Si tratta soprattutto di un carico di Captagon (oltre 300.000 pillole), anfetamine stimolanti chiamate anche “la droga del combattente”. I fondamentalisti ne fanno uso da tempo, in particolare prima di una battaglia per rendere al meglio. Tanto che in Iraq si sono registrati diversi casi di overdose, soprattutto tra i foreign fighters dopo la caduta di Mosul.

Un articolo sul fenomeno di overdose di Captagon tra i jihadisti in Iraq dopo la caduta di Mosul

Il Tweet di Inherent Resolve sul sequestro del maxi carico di droga

Il Tweet di Inherent Resolve sull’uccisione del leader Daesh, a capo dei finanziamenti tramite contrabbando di petrolio e gas