skip to Main Content

Siria, nuova operazione SDF anti-Isis a Deir Ezzor: blitz a Dhiban

Siria, Nuova Operazione SDF Anti-Isis A Deir Ezzor: Blitz A Dhiban

In corso a Dhiban un’operazione delle SDF contro Isis. Jazeera Storm è a caccia di una cellula dello Stato Islamico che opera a Deir Ezzor

Nuovo raid delle SDF a Deir Ezzor contro le cellule Isis. Le truppe di Jazeera Storm stanno conducendo manovre mirate all’interno di Dhiban, città della provincia siriana che si trova vicino l’Eufrate. L’obiettivo delle forze arabo-curde è neutralizzare un gruppo di miliziani dello Stato Islamico, che si sarebbe infiltrato nell’area dopo aver attraversato il fiume. Il centro abitato è stato circondato e le unità militari hanno cominciato a setacciare alcuni luoghi precisi. Sembra, peraltro, che sia stata la popolazione locale a denunciare la presenza di possibili jihadisti Daesh. Ormai i civili non hanno più paura dei fondamentalisti. Prevale, invece, un senso di vendetta. Gli abitanti, infatti, non esitano a fornire alle SDF informazioni su minacce o movimenti sospetti. A volte monitorano anche direttamente il territorio e i pericoli fino all’arrivo dei combattenti siriani.

L’esercito siriano (SAA), nonostante i continui raid aerei, non riesce a sbloccare la situazione ad Hama e Idlib. Anzi. E’ impegnato a contrastare un nuovo contrattacco di Hayat Tahrir al-Sham (HTS), di Daesh e dei gruppi ribelli

A nord, invece, l’esercito siriano (SAA) continua la sua offensiva contro Hayat Tahrir al-Sham (HTS), Isis e i ribelli ad Hama e Idlib, ma senza ottenere vantaggi apparenti. In entrambe le aree proseguono la campagna di raid aerei. Soprattutto tra Lataminah e Sahian. Però, il SAA non riesce a sbloccare la situazione. Anzi, sembra più occupato ultimamente a evitare che i nemici avanzino. HTS-Daesh e i gruppi anti-governativi, infatti, hanno appena lanciato un violento contrattacco a sud di Idlib, obbligando i soldati a reagire con manovre di contenimento. Le città più coinvolte sono Kafr Nabudah, Qusaybiyah e Al Qarutiyah. Le milizie stanno cercando di cacciare i soldati ad Hama, creando una sorte di “zona cuscinetto” nell’area meridionale di Idlib, in modo da prevenire l’annunciata imminente invasione delle truppe di Damasco.

Back To Top