skip to Main Content

Siria, maxi rinforzi per le SDF in vista dell’offensiva contro Isis ad Hajin

Siria, Maxi Rinforzi Per Le SDF In Vista Dell’offensiva Contro Isis Ad Hajin

Le SDF dell’Operazione Round Up ricevono a sud di Deir Ezzor un maxi contingente di rinforzi in vista dell’offensiva di terra contro Isis ad Hajin. L’attacco a Daesh avverrà entro pochi giorni

E’ arrivato nel sud di Deir Ezzor un massiccio contingente di rinforzi alle SDF. Probabilmente l’ultimo di grandi dimensioni per l’Operazione Round Up (Jazeera Storm), prima che lanci la maxi offensiva di terra contro Isis ad Hajin. L’avvio delle manovre anti-Daesh è, infatti, imminente. Le forze arabo-curde hanno approntato io corridoi umanitari per evacuare la popolazione locale e sono state distrutte dai continui raid le linee di comunicazione, nonché le rotte dello Stato Islamico nell’area. Nel frattempo, continuano gli attacchi aerei e i bombardamenti dell’artiglieria sulla città. L’obiettivo è mantenere al massimo il pressing sui jihadisti, in modo che non riescano a prevedere come e quando avverrà l’attacco, e di conseguenza a organizzare difese efficaci per far perdere il momentum ai combattenti siriani. L’attacco, comunque, dovrebbe partire a strettissimo giro. E’ questione solo di giorni.

L’esercito siriano (SAA) blocca un tentativo dello Stato Islamico di aprire dal deserto di Badia un corridoio verso l’Iraq

Intanto, l’esercito siriano (SAA) sta bloccando i tentativi di Isis di allargare l’area controllata nel deserto di Badia e procede, anche se a rilento, a Suweida. Sul primo fronte, i soldati di Damasco hanno respinto un attacco dello Stato Islamico presso la diga di Aweiraz e hanno bombardato postazioni dei miliziani nella zona della stazione di pompaggio T2 e nella regione di Bardah. L’obiettivo dei terroristi è estendere il loro territorio per arrivare fino al confine con l’Iraq per trovare una possibile via di fuga dalla Siria. Anche in previsione dell’inizio delle manovre SDF ad Hajin. Sul secondo, i militari continuano l’offensiva ad Al-Safa, difesa fino all’ultimo da un gruppo di jihadisti Daesh. Le manovre nel quadrante sono arrivate al 15esimo giorno e manca poco alla loro fine.

Back To Top