Siria, lo Stato Islamico è senza risorse ad Hajin. Intanto, Damasco bombarda anche l’ONU

Syria ONU UN Humanitarianconvoy Convoglioumanitario Siria DeirEzzor Isis Isil Daesh StatoIslamico Sdf Cizirestorm Aljazeera Saa Esercitosiriano Syrianarmy Ghouta Hayattahriralsham Hts Middleeast Civili Popolazione Locale Raqqa SAA Tiger Forces

Si stringe ancora il cerchio sullo Stato Islamico ad Hajin. Daesh è senza risorse e impiega tutto ciò che ha contro le SDF

Le SDF stringono il cerchio sullo Stato Islamico ad Hajin e guadagnano terreno. Le truppe di Cizire Storm (Al Jazeera), dopo uno stop per le condizioni meteo avverse, hanno cominciato ad avanzare nuovamente contro Daesh e ora si trovano alla periferia della città. Qui i combattenti siriani hanno ingaggiato violenti scontri con i jihadisti dagli assi nord ed est. Isis risponde con tutto ciò che ha a disposizione, comprese auto-bomba (SBVIED), la cui corazza è formata da tubi di ferro. Segno che le risorse scarseggiano e che sono arrivate al limite. Nel frattempo, continuano le defezioni dei jihadisti. Nelle scorse ore IS ne ha giustiziati altri nella zona di Sha’fah. Alcuni in quanto avevano tentato la fuga; altri per aver collaborato col nemico. Nei ranghi dei terroristi c’è la totale disorganizzazione, con gruppi che agiscono in autonomia e non esitano a combattersi tra loro per spartirsi le poche scorte rimaste.

Ghouta: arriva un convoglio umanitario Onu, ma scarica solo in parte gli aiuti alla popolazione per i bombardamenti in corso

Intanto, l’esercito siriano (SAA) stringe l’assedio a Ghouta orientale. I soldati di Damasco controllano oltre un terzo dell’enclave e continuano sia le offensive di terra sia i bombardamenti. Compreso contro il convoglio umanitario di ONU, Croce Rossa Internazionale e Mezzaluna Rossa, giunto poche ore nella zona. Tanto che gli operatori, nonostante fossero sotto attacco, hanno scaricato il possibile e poi sono ripartiti a tutta velocità, senza ultimare le consegne di aiuti. I raid hanno investito anche Hawsh Ashari, Hamouria, Zamalka e Harasta. Le Tiger Forces, invece, hanno cacciato i ribelli da Rahyan e Muhammadiyah. La prima area, però, alcune ore dopo è stata ripresa dalle forze anti-governative. Infine, continua al campo profughi di al-Yarmouk la guerra di posizione tra lo Stato Islamico e Hayat Tahrir al-Sham (HTS). A proposito, Daesh ha annunciato di aver eliminato un nemico grazie ai cecchini.