Siria, lo Stato Islamico a Deir Ezzor è sempre più pressato dai raid aerei

Syria Siria Shahid Martirio Martyrdom Hajin Deirezzor Bahrah Shafah Ghouta Duma Harasta Cizirestorm Saa Esercitosiriano Islamicstate Statoislamico Duma Onu Treguaumanitaria Raqqa Isis Sdf Isil Daesh Civili Svbied Quartieri Wrath

Inherent Resolve attacca Isis in più zone a Deir Ezzor, mentre le SDF avanzano. Parallelamente, nelle aree liberate dal Daesh si torna a vivere

Giornata di raid intensi della Coalizione Internazionale contro lo Stato Islamico a sud di Deir Ezzor. I caccia di Inherent Resolve hanno effettuato diversi raid contro postazioni Daesh nella zona. In particolare ad Hajin, dove le SDF di Cizire Storm (Al Jazeera) stanno stringendo l’assedio sulla città, e a Sha’Fah. In tutti i casi ci sono state vittime tra i jihadisti. L’obiettivo è indebolire le difese di Isis e impedire che i terroristi lancino attacchi contro i combattenti siriani, come avvenuto qualche giorno fa. Intanto, le forze a guida curda stanno consolidando le recenti conquiste nella zona e operano per ripristinare condizioni di vita sicure per la popolazione. Bahrah è stata quasi completamente bonificata, tanto che stanno cominciando a tornare gli abitanti locali. Inoltre, il Civil Council del governatorato ha inviato team tecnici ad Abu Hammam e al-Kishkiyah, per ripristinare i generatori delle pompe dell’acqua per l’irrigazione dei campi nell’area.

L’esercito siriano continua a Ghouta l’offensiva contro Jaysh al-Islam e la comunità internazionale si muove per portare aiuto ai civili intrappolati

Intanto l’esercito siriano (SAA) continua ad attaccare i ribelli di Jaysh al-Islam a Ghouta orientale da due assi. Il primo è quello di Harasta. L’obiettivo dei soldati è circondare la città per poi conquistarla. Il secondo è Hawsh Dawahirah. Qui le Tiger Forces hanno istituito una base presso una scuola per bombardare a distanza le posizioni della formazione antagonista dello Stato Islamico. Parallelamente, Damasco continua a bombardare tutta l’area nonostante le richieste dalla comunità internazionale di prolungare la tregua umanitaria all’interno del quadrante stabilita in ambito ONU. Questa, infatti, è di appena 5 ore al giorno, considerate non sufficienti per l’evacuazione dei civili e dei feriti, che rimangono intrappolati nel quadrante. Senza contare che entrambe le parti denunciano ripetute violazioni del cessate il fuoco da parte del nemico. Le Nazioni Unite comunque non demordono e stanno trattando per ottenere un permesso di portare aiuti ai civili a Duma.