skip to Main Content

Siria, lo Stato Islamico attacca invano le SDF alle spalle a Bahrah

Siria, Lo Stato Islamico Attacca Invano Le SDF Alle Spalle A Bahrah

Isis tenta di colpire le SDF alle spalle a Deir Ezzor, ma viene bloccato immediatamente

Lo Stato Islamico a Deir Ezzor ha tentato all’alba un attacco alle spalle delle SDF nella zona di Bahrah. Le truppe di Cizire Storm (Al Jazeera), però, hanno respinto i miliziani Daesh, bloccando la manovra soprattutto nella zona di al Jaabi. Intanto continuano ad attaccare i jihadisti nell’area di Hajin da nord e ovest, pressando anche su quella meridionale per chiudere Isis nella città. Tanto che hanno conquistato Saliyah dopo alcune ore di battaglia. Parallelamente, la Coalizione Internazionale ha effettuato nuovi raid aerei sul quadrante, sia ad Hajin sia a Sha’fah, eliminando numerosi terroristi. Ci sono voci anche su un presunto strike di Inherent Resolve contro l’esercito siriano (SAA) nel governatorato, che avrebbe provocato diversi morti, ma al momento queste non trovano conferme ufficiali. Anzi, la Coalizione le ha smentite decisamente definendole totalmente false.

Ghouta est: al via tregua di 5 ore al giorno. Damasco, intanto, continua gli attacchi e i raid aerei su HTS e FSA

Intanto, a Ghouta orientale proseguono i bombardamenti dell’esercito siriano sulle zone controllate da Hayat Tahrir aò-Sham (HTS) e dal Free Syrian Army (FSA). Quest’ultima ha fatto sapere di essere disposta a lasciare l’enclave, ma solo sotto la supervisione delle Nazioni Unite. Nella zona è stato anche stabilito un breve cessate il fuoco di 5 ore al giorno, per permettere ai feriti di essere curati e l’evacuazione dei civili dalle zone di scontro. Sembra, però, che non tutti abbiano rispettato la tregua. Tanto che la Russia ha denunciato violazioni da parte di gruppi di ribelli, che avrebbero attaccato i corridoi umanitari. Le formazioni locali, invece, hanno smentito l’accaduto. L’offensiva di Damasco procede soprattutto dagli assi occidentale e meridionale: Harasta e al Ghutan. Qui, le truppe- con il supporto dei raid aerei – stanno cercando di avanzare verso il centro della zona per tagliarla in due e isolare i gruppi di ribelli.

Back To Top