skip to Main Content

Siria, l’esercito attacca Daesh a Deir Ezzor e prepara l’invasione di Douma

Siria, L’esercito Attacca Daesh A Deir Ezzor E Prepara L’invasione Di Douma

L’esercito siriano a Ghouta si prepara a invadere Douma. A Deir Ezzor lancia un’offensiva contro Daesh nel deserto Hamad. Obiettivo: Prendere Badia Sham

L’esercito siriano (SAA) sta incrementando gli sforzi in 2 aree. La prima è Ghouta orientale, dove sta per lanciare l’assalto in massa a Douma. L’ultima zona, ancora nelle mani dei ribelli di Jaysh al-Islam, insieme a –parzialmente – quella sud nell’enclave. La seconda è l’area meridionale di Deir Ezzor. Qui il bersaglio è l’ultima sacca di resistenza dello Stato Islamico nel quadrante sud ovest, nel deserto Hamad. Le operazioni nel primo caso stanno per partire. Nel secondo, invece, sono appena cominciate. Tanto che Daesh ha già perso alcune aree desertiche vicino Badia Sham. I soldati stanno avanzando da est, con l’obiettivo di conquistare al più presto il lago Faydat al-Jubb, la principale fonte idrica di tutto il quadrante. Con buona probabilità, Isis cercherà di mantenere il suo controllo per più tempo possibile, viste le condizioni morfologiche locali e la scarsità di risorse di cui dispongono i jihadisti.

A Deir Ezzor lo Stato Islamico continua ad attaccare il SAA ad Abu Kamal (Al Bukamal), ma con l’operazione nel deserto Hamad la situazione cambia

A Deir Ezzor, comunque, il SAA è impegnato su un secondo versante contro lo Stato Islamico: quello nell’area di Abu Kamal (Al Bukamal). E i risultati sono altalenanti. I soldati siriani finora sono riusciti a bloccare tutti i tentativi di contrattacco, ma a costo di molte vite tra le loro fila. Inoltre, i miliziani Daesh non demordono e periodicamente lanciano nuove azioni. La situazione, però, potrebbe cambiare con l’operazione in corso nel deserto Hamad. Isis, pressato dall’esercito, difficilmente potrà inviare nuove squadre nell’estremo sud di Deir Ezzor. Ogni miliziano sarà necessario a difendere il quadrante. Gli unici che potrebbero fornire sostegno in questo senso saranno, perciò, i jihadisti provenienti dall’area nord-est della provincia o dall’Iraq (Qaim). Nella provincia di Anbar, però, le forze di sicurezza di Baghdad stanno conducendo massicce operazioni per bloccare i terroristi Isis. L’ultima ha portato all’arresto del comandante per l’area desertica e del suo luogotenente.

Back To Top