skip to Main Content

Siria, le SDF smantellano una grande cellula Isis ad Abu Hamam

Siria, Le SDF Smantellano Una Grande Cellula Isis Ad Abu Hamam

Le SDF hanno smantellato una grande cellula Isis ad Abu Hamam. Lo Stato Islamico a Deir Ezzor perde 20 elementi, specializzati negli attacchi contro obiettivi locali

Le SDF hanno smantellato una grande cellula Isis a Deir Ezzor. Jazeera Storm ha effettuato un’operazione ad Abu Hamam, arrestando 20 miliziani dello Stato Islamico e uccidendone uno. Alle manovre hanno partecipato oltre 600 combattenti siriani, che hanno cinturato il villaggio e perquisito ogni singolo edificio all’interno. Il gruppo Daesh era responsabile di numerosi attacchi nell’area, tra cui alcuni avvenuti nel mese presso il mercato locale, che avevano causato la morte di sette bambini. Nel corso dei raid sono state trovati anche molte armi, esplosivi, radio e telefoni cellulari. Peraltro, i jihadisti avevano con loro alcune tessere, che confermano la loro appartenenza alla formazione di terroristi, e alcuni documenti, considerati di grande interesse dall’intelligence arabo-curda.

Intanto, Jazeera Storm continua la caccia alle cellule Daesh da Deir Ezzor ad Hasakah, passando per Raqqa, lungo l’Eufrate

L’operazione ad Abu human fa parte dell’offensiva in corso che le SDF hanno lanciato contro Isis nell’Est della Siria. L’obiettivo è neutralizzare le cellule dello Stato Islamico che si sono nascoste tra la popolazione. L’offensiva è partita da Shaddadi, vicino ad Hasakah, e successivamente si è spostata al confine con la provincia di Deir Ezzor. Parallelamente, altre unità di Jazeera Storm stanno operando lungo l’Eufrate, effettuando ricerche in ogni città e villaggio. Da Baghuz a Raqqa. Le forze arabo-curde cercano di bloccare le infiltrazioni dei jihadisti da Ovest e fermare l’ondata di attacchi che questi hanno avviato nell’area con metodi di guerriglia. Gli unici blitz dei miliziani IS, infatti, avvengono presso i giacimenti di Al-Omar. Il resto del quadrante, invece, è preso di mira da attentati e IED, di cui spesso i civili sono le vittime principali.

Back To Top