skip to Main Content

Siria, le SDF preparano un’operazione mirata anti-Isis ad Abu Hammam

Le SDF e Inherent Resolve preparano un’operazione mirata contro una importante cellula Isis ad Abu Hammam. Istituiti check point fino a Kaskiya per evitare possibili fughe dei jihadisti

Le SDF, in cooperazione con Inherent Resolve, stanno per lanciare un’importante operazione mirata contro Isis a Deir Ezzor. Nelle scorse ore, infatti, le forze arabo-curde hanno istituito una serie di nuovi e improvvisi check point sulle strade principali di Abu Hammam e Kashkiya. Obiettivo: scovare una cellula di terroristi IS che si nasconde nell’area al confine con l’Eufrate. Non sono stati forniti dettagli su quanti siano i componenti del gruppo o sulla loro importanza. Il grande schieramento militare e l’ampia cinturazione del quadrante, però, fanno pensare che si tratti di un bersaglio prezioso. Nei giorni scorsi c’era stata un’attività analoga a Shahil, che aveva portato all’arresto di quattro jihadisti e al sequestro di numerosi computer e documenti giudicati di grande interesse dall’intelligence.

La città è al centro dell’area, tra Busayrah e Dhiban, più usata da IS per infiltrarsi a est di Deir Ezzor

L’operazione delle SDF contro Isis ad Abu Hammam ha un senso preciso. La città è al centro dell’area (tra Busayrah e Dhiban) in cui i jihadisti si infiltrano a Est di Deir Ezzor attraverso l’Eufrate. Nei centri abitati lungo la Shaddadi Road sono collocate le basi delle reti logistiche e di supporto IS. Inoltre, è usata dai miliziani per fuggire al di là del fiume, quando sono in corso raid dei nemici. Non è un caso, infatti, che nel quadrante si svolgono la maggior parte delle operazioni delle forze arabo-curde. Queste agiscono su due assi: da una parte neutralizzare i network e le cellule; dall’altra, inseguire i leader del gruppo con task force ad hoc e manovre mirate.

Back To Top