skip to Main Content

Siria, le SDF lanciano l’offensiva in massa contro Isis ad Al-Ula’yat (Ulayat)

Siria, Le SDF Lanciano L’offensiva In Massa Contro Isis Ad Al-Ula’yat (Ulayat)

E’ cominciata la maxi offensiva delle SDF contro Isis ad Al-Ula’yat (Ulayat). Jazeera Storm, liberata definitivamente Abu Badran dallo Stato Islamico, attacca in massa i jihadisti. La battaglia finale a Susah si avvicina

E’ cominciato l’attacco delle SDF a Isis ad Al-Ula’yat (Ulayat). Le truppe di Operation Round Up (Jazeera Storm), dopo aver finito di liberare Abu Badran dallo Stato Islamico, hanno lanciato un’offensiva in massa nella zona. Al momento sono in corso violenti scontri, ma i miliziani hanno cominciato a fuggire dai campi di battaglia verso sud, in direzione di Susah. Daesh oggi controlla meno di un terzo del territorio nella Middle Euphrates River Valley (MERV) rispetto a un mese fa e continua ad arretrare. I jihadisti, infatti, sono confinati in una piccola porzione della provincia siriana tra Susah e Shajlah.  A oggi controllano un’area in cui vivono circa 15.000 persone, tra cui le loro famiglie. E’ meno dell’1% di quanto gestivano nel loro momento di massimo potere. Prossima tappa dopo Ulayat sarà Susah per la battaglia finale contro IS nella regione.

Intanto, le SDF continuano le evacuazioni dei civili dalle zone calde a Deir Ezzor e la caccia ai miliziani Daesh nascosti tra gli sfollati

Intanto, le SDF proseguono l’evacuazione della popolazione dalle aree di scontro con Isis a Deir Ezzor. Nelle ultime ore i combattenti siriani hanno salvato alcune centinaia di civili, soprattutto donne e bambini, i quali sono stati scortati presso i campi umanitari.  L’area da cui proviene la maggiore affluenza è Susah, dove si sono concentrate le difese dello Stato Islamico. I jihadisti, però, in questo caso sono più preoccupati a organizzare ciò che resta delle loro unità e a cercare possibili vie di fuga, piuttosto che a obbligare gli abitanti locali a rimanere nella città. Si pensa anche che questo atteggiamento meno stringente sia voluto. Ciò per far sì che i jihadisti Daesh si possano mescolare con gli sfollati per lasciare la zona indisturbati. Le SDF, però, hanno capito subito la tattica e adottato controlli più capillari. Infatti, negli ultimi giorni sono stati arrestati numerosi miliziani, soprattutto foreign fighters.

Back To Top