Siria, le SDF hanno cacciato Isis già da alcune zone di Susah a Deir Ezzor

Siria Isis Isil Daesh Saa Islamicstate Syria Syrianarmy Mayadeeen Euphrates Susah Sandstorm Statoislamico Deirezzor Raqqa Tabqa Tempestadisabbia Risf Abukamal Hajin Sdf Saa Cizirestorm Aljazeera Iraq

Le SDF a Deir Ezzor hanno già cacciato Isis da alcune zone di Susah e proseguono verso il centro. Lo Stato Islamico sfrutta una tempesta di sabbia per contrattaccare in massa, ma Jazeera Storm blocca il tentativo

Le SDF a sud di Deir Ezzor sono entrate a Susah e hanno già cacciato Isis da alcune zone della roccaforte. Operation Round Up (Jazeera Storm) nelle ultime ore ha avanzato all’interno della roccaforte dello Stato Islamico, obbligando i jihadisti a ripiegare in centro. I combattenti siriani, infatti, hanno conquistato alcuni distretti periferici e li stanno rafforzando. I miliziani Daesh, approfittando di una tempesta di sabbia che si è abbattuta sulla zona, hanno tentato un contrattacco in massa contro le forze arabo-curde, allo scopo di recuperare le posizioni perse. Ma sono stati respinti con perdite dopo aver ripreso poche aree. I terroristi contavano sul fatto che, a causa delle condizioni climatiche, il supporto aereo alle truppe a terra è limitato. L’artiglieria, però, non si è fermata e ha continuato a bombardare le postazioni IS. Di conseguenza, la loro offensiva è stata bloccata.

Daesh ha tentato la stessa manovra contro l’esercito siriano (SAA) a ovest dell’Eufrate e contro le SDF ad Hajin. I miliziani, però, sono stati respinti su tutta la linea

Isis, approfittando della tempesta di sabbia, ha tentato di attaccare anche l’esercito siriano (SAA) a ovest dell’Eufrate. I miliziani dello Stato Islamico hanno attaccato postazioni del SAA nella zona di Hasarat e Mayadeen. Questi, però, dopo un primo momento in cui sembravano prevalere per l’effetto sorpresa, sono stati respinti con perdite. Tanto che si sono dovuti ritirare oltre il fiume. Peraltro con un bilancio in negativo, in quanto i soldati hanno perso circa una mezza dozzina di uomini, mentre i jihadisti Daesh oltre dieci. Stesso discorso ad Hajin. I miliziani hanno temporaneamente ripreso alcune zone della città, ma poco dopo sono stati nuovamente sconfitti e cacciati dalle SDF, che hanno anche ripreso ad avanzare verso il centro.