skip to Main Content

Siria, le SDF fermano un commando di 20 agitatori pro-Turchia a Tabqa

Le SDF fermano un commando di 20 agitatori pro-Turchia a Tabqa. Il gruppo attaccava la popolazione cercando di far ricadere la colpa sulle forze curde. Ankara vuole a tutti i costi i giacimenti del Kurdistan

Le SDF hanno arrestato un commando di agitatori nella provincia di Raqqa, che lanciava attacchi contro la popolazione a Tabqa, cercando di far ricadere la colpa sulle forze curde. Le truppe locali hanno catturato 20 uomini e sequestrato un quantitativo ingente di armi e munizioni. Il gruppo, inoltre, disponeva di sistemi di comunicazioni avanzati e di tute da combattimento identiche a quelle delle SDF. Non ci sono conferme ufficiali, ma sembra che i terroristi siano in qualche modo legati alla Turchia. I documenti in possesso di alcuni di loro, infatti, erano stati rilasciati da formazioni alleate delle TAF, che operano nel nord della Siria. Ankara, inoltre, da tempo vuole entrare nel Kurdistan siriano per le sue risorse energetiche, ma finora è sempre stata bloccata sia dalle forze curde sia dai veti della comunità internazionale. Persino la Russia, partner nel paese mediorientale, ha rifiutato la proposta di co-gestire i giacimenti.

Back To Top