skip to Main Content

Siria, le SDF e Damasco più vicine grazie alla Russia

Siria, Le SDF E Damasco Più Vicine Grazie Alla Russia

Dopo otto mesi riprende il traffico dei convogli civili sulla M4 tra Ain Issa e Tal Amar, grazie alla mediazione della Russia con le SDF, Damasco e la Turchia

Le SDF e Damasco si avvicinano grazie a un accordo mediato dalla Russia. Un convoglio di mezzi civili, per la prima volta in otto mesi, ha potuto percorrere la M4 tra Ain Issa e Tal Amar, a nord di Raqqa, nel Kurdistan siriano. Si tratta di un passo molto importante, che permetterà alla regione di ravvivare il commercio anche col vicino Iraq. L’area è presidiata dalla milizie filo-Turchia, ma Mosca ha fatto sì che Ankara riaprisse l’autostrada ai mezzi civili come nuovo passo dopo la tregua firmata con il regime di Bashar Assad. Per sicurezza, comunque, la Federazione ha inviato rinforzi nel quadrante. Si teme, infatti, che qualche gruppo jihadista tenti di sfruttare l’evento per compiere attacchi e alimentare nuovamente le tensioni.

Intanto, l’esercito siriano riprende ad attaccare le milizie filo-Ankara a sud di Idlib. Queste cercano di usare la popolazione e le manifestazioni per cacciare il SAA e indebolire HTS

Intanto, l’esercito siriano (SAA) ha ripreso ad attaccare le milizie a sud di Idlib dopo la fine del Ramadan. Nelle scorse ore il SAA ha colpito diverse postazioni dei ribelli a Qaqfin, Al-Haluba e Al Bara, uccidendo anche un comandante militare del Fronte per la Liberazione Nazionale (NFL). A seguito di ciò, alcune centinaia di abitanti hanno manifestato nella provincia, chiedendo alla Turchia di espellere i militari di Assad dal loro territorio, soprattutto nel sud. Si tratta, però, di attività organizzate dai jihadisti pro-Ankara. Il tentativo è duplice: da una parte cercare di allentare il pressing di Damasco nell’area e dall’altra indebolire Hayat Tahrir al-Sham (HTS), diventata ormai leader in tutto il quadrante. Soprattutto dopo le varie operazioni di PsyOps condotte recentemente, l’ultima delle quali ha visto il comandante di HTS partecipare a un programma tv per l’Eid Al Fitr con i figli dei martiri nella provincia.

Back To Top