skip to Main Content

Siria, Le SDF a Deir ez-Zor hanno chiuso Isis in poche località

Siria, Le SDF A Deir Ez-Zor Hanno Chiuso Isis In Poche Località

Le SDF, grazie ai recenti interventi della Coalizione Internazionale, hanno ripreso l’offensiva a est di Deir ez-Zor

Le SDF a Deir ez-Zor hanno chiuso Isis in poche e certe località a est dell’Eufrate. Sono Hajin, albu-Hassan, Sha’fah, Bukhatir, al-Susah e al-Baghuz. Lo hanno fatto grazie all’intervento della Coalizione Internazionale, che ha bombardato le postazioni Daesh e permesso a Cizire Storm (Al Jazeera) di riprendere ad avanzare nel quadrante. Inoltre, i combattenti siriani hanno chiuso gli internet café nell’area, per ridurre le capacità di comunicare dei jihadisti. Secondo diverse fonti locali, nella zona ci sono complessivamente tra i 2000 e i 2500 miliziani dello Stato Islamico. Buona parte di questi, circa 500, sarebbero foreign fighters. Con le nazionalità più prominenti identificate in Africa (soprattutto Marocco), Iraq e diversi paesi dell’Asia. Questi, dopo le pesanti perdite subite nei raid di Inherent Resolve a Sha’fah, avrebbero rivisto la strategia ripiegando a sud in direzione di Abu Kamal (Al Bukamal) e puntando l’attenzione contro l’esercito siriano (SAA) a ovest del fiume.

Raqqa, ricostruito il ponte a ovest della al-Assidya Farm. Collega il centro della ex capitale Daesh alla zona rurale settentrionale

Intanto, nelle altre zone liberate da Isis si lavora per ripristinare le condizioni di vita normali. La Coalizione Internazionale e il comitato per la ricostruzione del Civil Council di Raqqa hanno appena  ripristinato il ponte a ovest della al-Assadiya Farm. Questo è sito all’entrata nord dell’ex capitale Daesh, vicino alla base della 17esima divisione. La struttura è fondamentale perché collega il centro della città alla zona rurale settentrionale. Era stata distrutta all’inizio dell’offensiva contro lo Stato Islamico per sigillare i jihadisti all’interno del centro abitato e per evitare che ricevessero supporto e rifornimenti dall’esterno. Finora in Siria sono state liberate oltre 3,2 milioni di persone da Isil e i terroristi hanno perso 105.600 chilometri quadrati nel paese e nel vicino Iraq da settembre del 2014.

 

Back To Top