skip to Main Content

Siria, le SDF cominciano a dare la caccia ai fuggitivi Isis a nord est

Siria, Le SDF Cominciano A Dare La Caccia Ai Fuggitivi Isis A Nord Est

Le SDF cominciano a dare la caccia ai fuggitivi Isis a nord est della Siria. Sono i miliziani evasi dalle carceri curde bombardate dalla Turchia

Le SDF nel nord e nell’est della Siria, nonostante il progredire dell’offensiva turca, hanno cominciato a dare la caccia ai miliziani Isis fuggiti dalle prigioni dell’area. Ankara, infatti, nei giorni scorsi aveva bombardato diversi campi, permettendo a un migliaio di jihadisti dello Stato Islamico e alle loro famiglie di evadere e nascondersi nella regione. Questi sono soprattutto foreign fighters, che non sanno dove andare. Di conseguenza, la loro unica alternativa è riprendere a combattere. Jazeera Storm ne ha intercettato e fermato un gruppo nei pressi di Ain Issa, dove è in corso anche una battaglia presso il centro detentivo. Non si sa come, ma i fondamentalisti Daesh al suo interno sono riusciti ad impossessarsi di armi e hanno tentato un attacco in massa. Al momento la situazione è fluida, ma sembra che le difese della struttura stiano tenendo.

Le SDF entrano a far parte delle Forze di difesa nazionale siriane. In cambio, Damasco invierà il SAA al confine con la Turchia. La guerra a Daesh a est dell’Eufrate, invece, continuerà a essere combattuta solo da Jazeera Storm con l’appoggio della Coalizione Internazionale

Non è chiaro, invece, quali siano i dettagli dell’accordo tra SDF e governo siriano, nonché come verrà gestito il contrasto a Isis nell’est del paese. L’intesa, mediata dalla Russia, prevede che i combattenti curdi siano integrati nelle Forze di difesa nazionale: un complesso di milizie filo governative, formato da sciiti e cristiani finora. In cambio, Damasco invierà l’esercito (SAA) alla frontiera nord-orientale con la Turchia. Però, non ci sono notizie circa l’impegno a est dell’Eufrate in chiave anti-Daesh. Di conseguenza, è presumibile che sarà ancora Jazeera Storm in autonomia e con l’appoggio della Coalizione Internazionale a combattere lo Stato Islamico. Segnali in questo senso se ne sono visti recente, con alcune operazioni mirate a Deir Ezzor. Rimane sono un’incognita: chi aiuterà le forze arabo-curde a proteggere il campo di Al-Hol? E’ praticamente certo che i miliziani IS lo attaccheranno per liberare i loro compagni.

Back To Top