skip to Main Content

Siria, le SDF cacceranno Isis da Deir ez-Zor nonostante attacchi del SAA

Cizire Storm ha subito un bombardamento del SAA ad al-Basin, ma continuerà a combattere Isis a Deir ez-Zor orientale

Le SDF, nonostante gli attacchi dell’esercito siriano (SAA) e di Isis, porteranno a termine l’operazione Cizire Storm (Al Jazeera). Lo ha annunciato un comandante della forza a guida curda, commentando il recente bombardamento del SAA contro i combattenti ad al-Basin. La campagna per liberare dal Daesh la popolazione nella zona orientale di Deir ez-Zor fino al confine con l’Iraq, peraltro, è stata quasi ultimata. Mancano poche località a oriente dell’Eufrate fino alla frontiera. Come Jaras al Sharqi, assediata da ieri e in cui hanno perso la vita finora 21 terroristi.. Una volta prese, ci si concentrerà più a nord nella Middle Euphrates Valley (MERV), dove è presente l’ultimo caposaldo dello Stato Islamico. Lì infatti si è concentrata la maggior parte dei jihadisti fuggiti dai campi di battaglia. Sia in Siria sia in Iraq. I miliziani, però, sono bloccati nell’area, nonostante tentino periodicamente incursioni oltre il fiume Khibur.

L’esercito siriano è solo contro Daesh nel sud della provincia e la battaglia non è finita

Intanto, vicino al confine con l’Iraq a nord di Abu Kamal (Al Bukamal), l’esercito siriano e le sue forze alleate hanno cacciato Isis dall’Eufrate. Nelle scorse ore hanno ripreso il controllo della riva occidentale del fiume in tutta la zona meridionale della provincia di Deir ez-Zor. Daesh, però, ancora non è stato sconfitto nell’area. I jihadisti presidiano i villaggi nel quadrante orientale da Hajin ad Ash Sha’fah fino alla frontiera con il paese vicino. Inoltre, c’è una sacca di resistenza dello Stato Islamico tra la provincia e Homs, nella zona desertica fino alla base militare T3. Mentre a Deir ez-Zor il SAA può contare sull’aiuto indiretto delle SDF, nell’altra sarà solo contro i terroristi. Peraltro, le forze in campo si sono già trovate in difficoltà verso Isil, perdendo recentemente terreno, che stanno recuperando con fatica e solo parzialmente.

 

 

 

Back To Top