skip to Main Content

Siria, le SDF avanzano contro Isis a Deir Ezzor. Scontri violenti ad Hajin

Siria, Le SDF Avanzano Contro Isis A Deir Ezzor. Scontri Violenti Ad Hajin

Le SDF a Deir Ezzor hanno lanciato un’offensiva a sorpresa contro Isis ad Hajin. Grazie al Close Air Support (CAS) di Inherent Resolve, combattono lo Stato Islamico alle porte della roccaforte

Le SDF a Deir Ezzor hanno cominciato ad avanzare contro Isis nell’area di Hajin. Lo riportano diverse fonti locali, citando intensi scontri tra le truppe di Operation Round Up (Jazeera Storm) e lo Stato Islamico. Sia alle porte della città sia nei quartieri più periferici. Ciò, peraltro, in concomitanza con alcuni bombardamenti della Coalizione su postazioni Daesh nella zona. Sembra, infatti, che i caccia di Inherent Resolve stiano fornendo supporto aereo ravvicinato (CAS) ai combattenti siriani sul terreno, coprendo il progredire dell’offensiva dai cieli. Soprattutto nell’area di Abu Hassan. Inoltre, per evitare che i jihadisti ricevano rinforzi e rifornimenti da sud, sono in corso raid a Sha’Fah e in tutto il quadrante. Infine, le forze arabo-curde stanno proseguendo le operazioni militari in tutte le città liberate dai miliziani, per scovare e neutralizzare le loro cellule dormienti.

L’esercito siriano (SAA) per la prima volta dopo mesi attacca Daesh ad Abu Kamal e Mayadeen. L’obiettivo è prevenire che i miliziani, in fuga verso ovest, possano prendere di mira la zona

Intanto, l’esercito siriano (SAA) per la prima volta dopo mesi lancia un’offensiva contro Isis ad Abu Kamal e a Mayadeen, ad ovest dell’Eufrate a Deir Ezzor. I soldati del Quinto Corpo d’armata hanno dato il via a una serie di attacchi con l’artiglieria su postazioni dello Stato Islamico nella zona. Formalmente si vuole far passare le manovre anti-Daesh come un aiuto esterno alle SDF. In realtà, però, lo scopo è diverso. Proteggere l’area da possibili infiltrazioni dei jihadisti in fuga da est. Questi, chiusi su tre lati da Jazeera Storm, hanno come unica via di fuga quella verso il deserto di Badia. E non esiteranno a incrementare gli attacchi sul quadrante per crearsi un corridoio sicuro. Di conseguenza, il SAA cerca di prevenire la creazione di possibili punti di origine d’attacco, che siano troppo vicini alle città.

Back To Top