skip to Main Content

Siria, le SDF attaccano Isis ad Hajin presso il mercato e la 20esima strada

Siria, Le SDF Attaccano Isis Ad Hajin Presso Il Mercato E La 20esima Strada

Le SDF ad Hajin hanno lanciato un attacco contro Isis presso il mercato e la 20esima strada. Lo Stato Islamico non riesce a sostenere il pressing di Jazeera Storm e ripiega verso sud

Le SDF ad Hajin continuano ad avanzare contro Isis, spingendosi sempre più verso il centro. Le truppe di Operation Round Up (Jazeera Storm) hanno attaccato lo Stato Islamico presso il mercato e la 20esima strada nella roccaforte a Deir Ezzor. Inoltre, nelle scorse ore i combattenti siriani hanno cacciato Daesh dall’ospedale, luogo strategico all’interno della città. I miliziani, però, lo hanno fatto esplodere prima di fuggire e poi hanno cercato di rispondere a distanza, lanciando colpi di mortaio contro le forze arabo-curde, allo scopo di rallentarle, ma i tentativi non sono serviti. Tanto che i jihadisti sono stati costretti a ripiegare più a sud. Nel frattempo, continuano i raid della Coalizione Internazionale contro le postazioni dei terroristi e le evacuazioni dei civili da parte delle SDF. Queste hanno scortato in aree sicure nella Middle Euphrates River Valley (MERV) oltre 2.000 persone, soprattutto donne e bambini, negli ultimi giorni.

Le forze arabo-curde pressano Daesh anche a Baghuz. L’obiettivo è chiudere e isolare i miliziani in un’area circoscritta, in modo da poterli colpire più facilmente

Intanto, prosegue l’offensiva delle SDF contro Isis a Baghuz. Le forze arabo-curde che operano nel sud di Deir Ezzor al confine tra Iraq e Siria hanno allargato la bolla di sicurezza lungo la frontiera tra i due paesi e stanno pressando lo Stato Islamico. Ciò anche grazie al supporto delle forze di Baghdad, che bombardano i jihadisti a distanza con l’artiglieria e li attaccano con i caccia. A seguito di ciò, lo Stato Islamico è stato costretto a ripiegare verso Susah e si registra un aumento di fughe di massa dalla zona. L’obiettivo è chiudere i miliziani, isolandoli e riducendo progressivamente la loro area di manovra. In questo modo Daesh sarà sempre più schiacciato, e sarà più facile colpire i terroristi da più assi.

Back To Top