skip to Main Content

Siria, le SDF a Deir Ezzor sono alla periferia nord di Hajin e avanzano

Siria, Le SDF A Deir Ezzor Sono Alla Periferia Nord Di Hajin E Avanzano

Le SDF sono arrivate alla periferia nord di Hajin e hanno obbligato Isis a ripiegare verso il centro

Le SDF a Deir Ezzor fanno progressi contro Isis nella zona di Hajin. Le truppe di Operation Round Up (Jazeera Storm) hanno cacciato lo Stato Islamico da grandi porzioni di territorio a nord della roccaforte e ora sono alla sua periferia. Al momento sono in corso violenti scontri tra i combattenti siriani e i miliziani Daesh, in diverse zone periferiche della città. Inoltre, i caccia della Coalizione Internazionale continuano a bombardare le postazioni dei jihadisti in tutto il quadrante. L’obiettivo è non dare ai terroristi la possibilità di reagire agli attacchi sul terreno e indebolire le loro difese. Le SDF procedono con prudenza per gli ordigni disseminati da IS e per ridurre i rischi legati alla sicurezza dei civili, intrappolati nel centro abitato e usati come scudi umani dai fondamentalisti. Questi non si fanno scrupolo di radunarli nei pressi dei centri di comando, per evitare che vengano colpiti dal nemico.

L’esercito siriano (SAA) caccia lo Stato Islamico da Suweida (Sweida). Daesh in Siria è ormai relegato a sole due aree: A est dell’Eufrate nella MERV e nel deserto di Badia tra Homs e Deir ezzor

Intanto, l’esercito siriano a Suweida (Sweida) è riuscito a cacciare Isis da Al-Safa, eliminando completamente la sacca di resistenza dei miliziani nella provincia. Lo ha fatto, però, dopo 104 giorni di battaglia contro lo Stato Islamico e a un costo elevato in termini di vite umane dei soldati e degli alleati. Grazie a ciò, Daesh in Siria è ormai isolato in due uniche zone. A est dell’Eufrate, nella Middle Euphrates River Valley (MERV) e nel deserto di Badia tra Homs e Deir Ezzor. Ci sono anche alcuni elementi a Idlib, ma si tratta di piccoli gruppi costantemente presi di mira dalla formazione rivale Hayat Tahrir al-Sham (HTS). Perciò, non destano particolare preoccupazione. Quindi, come alcuni esperti avevano preventivato, con ogni probabilità IS combatterà nella MERV la sua battaglia finale per la sopravvivenza nel paese.

Back To Top