skip to Main Content

Siria, le SDF a Deir Ezzor si preparano ad attaccare Isis a Sha’Fah e Susah

Siria, Le SDF A Deir Ezzor Si Preparano Ad Attaccare Isis A Sha’Fah E Susah

Le SDF a Deir Ezzor si preparano ad attaccare Isis a Sha’Fah e Susah. Coalizione e IAQF bombardano le roccaforti dello Stato Islamico, mentre Jazeera Storm avanza a Husayyah e a Baghuz Fawqani. Sempre più miliziani si arrendono

Le SDF a Deir Ezzor si preparano a lanciare l’attacco in massa contro Isis a Sha’Fah. Nelle scorse ore, gli aerei e l’artiglieria della Coalizione Internazionale hanno effettuato pesanti bombardamenti sulle postazioni dello Stato Islamico nella zona. Queste servono per preparare l’invasione di terra dei combattenti siriani di Operation Round Up (Jazeera Storm), che stanno finendo di cacciare i jihadisti Daesh da al-Husayyah. Una volta presa la città, l’asse settentrionale della forza arabo-curda punterà direttamente sulla roccaforte dei miliziani. Quello meridionale, invece, si prepara ad attaccare Susah. L’aeronautica militare irachena (IQAF), infatti, ha effettuato diversi raid nell’aree e le truppe procedono velocemente a Baghuz Fawqani. Ciò grazie al fatto che le linee di difesa IS sono collassate e che numerosi terroristi si stanno arrendendo alle SDF. Sono soprattutto iracheni e siriani, ma sembra che tra loro ci siano anche foreign fighters.

Daesh continua ad attaccare l’esercito siriano (SAA) per cercare di aprire un corridoio di fuga dalla Middle Euphrates River Valley (MERV) al deserto di Badia. Ultimo raid a Sayyal

Intanto, Isis continua ad attaccare l’esercito siriano (SAA) e i loro alleati a ovest dell’Eufrate. I miliziani dello Stato Islamico hanno lanciato un’offensiva a sorpresa a Sayyal, assumendo per qualche ora il controllo di parte della città. Poi, però, si sono ritirati fuggendo in direzione del deserto di Badia. E’ l’ennesimo tentativo Daesh di creare un corridoio di fuga per i suoi jihadisti dalla Middle Euphrates River Valley (MERV) al deserto, dove si è concentrato un grande gruppo di terroristi, fuggito dai campi di battaglia in varie zone del paese mediorientale e dell’Iraq. Questi periodicamente effettuano raid, sia per rifornirsi sia per testare il nemico, al fine di scoprire possibili brecce nelle sue linee di difesa. L’area di azione è da Mayadeen fino ad Abu Kamal.

Back To Top