Siria, le SDF a Deir Ezzor si preparano all’offensiva in massa contro Isis

Siria Syria Deirezzor Isis Daesh Statoislamico Islamicstate Sdf Jazeerastorm Inherentresolve Hajin Baghuz Abukamal Badia Reinforcements Isf Iraq

Le SDF a Deir Ezzor si preparano a lanciare una maxi offensiva contro Isis ad Hajin. Obiettivo: cacciare lo Stato Islamico dai territori presi durante la tempesta di sabbia. Partecipano anche la Coalizione, i Sand Hippos e le ISF irachene

Le SDF a Deir Ezzor si preparano a lanciare un’offensiva in massa contro Isis ad Hajin. Nelle scorse ore sono arrivate nell’area rinforzi all’Operation Round Up (Jazeera Storm) da Hasakah, Manbij e Raqqa. Circa altri 300 combattenti siriani sono arrivati da Kobane insieme ad assetti terrestri della Coalizione Internazionale. Con buona probabilità lanceranno un attacco combinato in tutta la zona est della provincia, ripresa recentemente dallo Stato Islamico nel corso dell’ultima tempesta di sabbia. I miliziani Daesh, che hanno ricevuto rinforzi da ovest (in particolare dal deserto di Badia passando da Abu Kamal), non potranno resistere a un assedio prolungato. Infatti, hanno già cominciato a ritirarsi dalle aree più periferiche di Baghuz verso nord. Ciò dopo aver perso già numerosi elementi nelle ultime battaglie contro le forze arabo-curde e i Sand Hippos, un gruppo misterioso che opera nella zona e che sta seminando il terrore tra i ranghi dei jihadisti.

Intanto, Daesh subisce nella provincia siriana costanti bombardamenti da Inherent Resolve, Jazeera Storm e dai caccia di Baghdad. Questi sganciano anche leaflets, intimando ai jihadisti di arrendersi prima che sia troppo tardi

In previsione della maxi offensiva contro Isis a Deir Ezzor, sia le SDF sia la Coalizione Internazionale, stanno portando avanti campagne di bombardamenti continui contro le postazioni dei miliziani. Inherent Resolve, solo nell’ultima settimana, ne ha effettuati oltre 180 su bersagli dello Stato Islamico nell’area. Gli attacchi sono superiori a quelli totali lanciati sommando tutto luglio e agosto. Jazeera Storm, invece, colpisce Daesh con l’artiglieria allo stesso modo delle ISF, che si sono ammassate lungo le frontiere tra Siria e Iraq. Il loro obiettivo è impedire che i jihadisti da Baghuz tentino di sconfinare nel paese vicino. Inoltre, i caccia di Baghdad attaccano i terroristi nella zona e continuano a sganciare leaflets sul quadrante, intimando ai membri IS di arrendersi prima che comincino le manovre delle forze arabo-curde.