skip to Main Content

Siria, le SDF a Deir Ezzor prendono di mira i contrabbandieri sull’Eufrate

Le SDF a Deir Ezzor prendono di mira i contrabbandieri sull’Eufrate. Questi forniscono supporto ai jihadisti dello Stato Islamico vendendo carburante a Ovest e infiltrando uomini ed equipaggiamenti a Est

Le SDF a Deir Ezzor lanciano una campagna contro lo Stato Islamico sull’Eufrate. In particolare, le forze arabo-curde puntano a distruggere le reti logistiche e di supporto ai jihadisti ex-Isis, che passano nell’area occidentale della provincia siriana e si collegano con quella orientale attraverso il fiume. Nelle scorse ore ci sono stati diversi raid a Shahil, dove sono stati attaccati traghetti usati per il contrabbando di merci e uomini. Le manovre sono la continuazione di altre due operazioni: la prima è avvenuta il 7 maggio nella stessa città e la seconda l’11 del mese, nel quadrante di Hawijat al-Busayrah. In entrambi i casi gli obiettivi erano i traghetti. Questi trasportano carburante dal Kurdistan verso le aree controllate dal regime, affinché sia venduto per finanziare i terroristi. Poi, tornano indietro dopo aver caricato miliziani, armi, esplosivi ed equipaggiamenti, necessari a garantire la sopravvivenza e l’operatività delle cellule IS.

Back To Top