Siria, le SDF a Deir Ezzor chiudono Isis a Dashisha e attaccano Hajin

Siria Syria Raqqa Roundup Deirezzor Dashisha Hajin Sousa Badiya Badia Iraq Islamicstate Damascus Saa Syrianarmy Mayadeen Abukamal Deirezzor Hajin Jeitbinn Merv Cizirestorm Aljazeera Hts Abukamal Wrath Sdf Saa Isis Isil Daesh Statoislamico Nadhah Alamin Thakanah Brigata137

Prosegue l’offensiva delle SDF a Deir Ezzor per circondare e chiudere Isis all’interno di Dashisha. I due assi delle manovre sono a circa 5 chilometri dalla roccaforte Daesh

Prosegue l’offensiva delle SDF a Deir Ezzor per circondare e chiudere Isis all’interno di Dashisha. Le forze dell’operazione Round Up (Jazeera Storm) hanno sconfitto Daesh presso il villaggio di al-Khabura e avanzano rapidamente sull’altro asse verso la città. mancano, infatti, circa 5 chilometri prima che le due ali dei combattenti si riuniscano nel centro abitato e lancino l’assalto finale per liberare la roccaforte dei jihadisti. Le truppe arabo-curde, peraltro, hanno lanciato anche un attacco a sorpresa contro lo Stato Islamico ad Hajin, ancora in corso. Parallelamente, le forze aree dell’Iraq e della Coalizione Internazionale hanno effettuato diversi raid sul quadrante. Sia nell’area di Dashisha, sia a sud della provincia siriana nei pressi di Sousa. Le azioni sono state supportate dall’artiglieria delle SDF e da quella di Inherent Resolve.

Intanto, lo Stato Islamico continua ad attaccare l’esercito siriano per tentare la fuga verso ovest, ma il SAA mantiene le linee difensive a Mayadeen e Abu Kamal

Intanto, Daesh continua ad attaccare l’esercito siriano (SAA) a sud di Mayadeen. Ciò, nonostante i soldati abbiano lanciato un’operazione per bonificare la sacca di resistenza dello Stato Islamico nel deserto di Badiya (Badia), tra Deir Ezzor e Homs. Inoltre, i miliziani Isis hanno cercato di entrare nuovamente ad Abu Kamal (Al Bukamal) attraversando l’Eufrate, ma sono stati respinti con perdite. Tanto che dal fiume sono emersi diversi corpi di jihadisti morti durante la battaglia. E’ il terzo tentativo in 10 giorni. Segno che c’è un’accelerazione delle manovre dei fondamentalisti per fuggire dall’area est della provincia e cercare rifugio in quella occidente, per poi arrivare al confine con Iraq e Giordania.