Siria, le SDF a Deir Ezzor arrivano alla roccaforte Isis di Dashisha

Syria Dashisha Siria Deirezzor Suweida Badiya Abukamal Iraq Merv Jazeerastorm Saa Islamicstate Cizirestorm Ghouta Syrianarmy Aljazeera Bahrah Hajin Shafah Ghouta Fsa Hts Gharanij Bahrah Inherentresolve Coalizioneinternazionale Turchia Manbij Curdi Isis Isil Daesh Raqqa Homs Attanf Caverne Grotte Sdf Cizirestorm Aljazeera Coalizioneinternazionale Inherentresolve Esercitosiriano Abukamal Albukamal Iraq Giordania Deserto Hamad Albaghdadi Raqqa Iraq Abuhamam Abukamal Albukamal Merv Middleeuphratesvalley Medicine Cizirestorm Aljazeera Adduwayr Saliniyah Alasharah Iraq Statoislamico Is Cizirestorm Sdf Saa Esercitosiriano Merv Middleeuphratesvalley Eufrate Iraq Siria Deirezzor Raqqa Mayadeen Sdf Eufrate Saa Russia Kalibr Iraq Sottomarini Velikiy Novhorod Kolpino Missilicruise Mediterraneo Flottadelmarnero

Le SDF a Deir Ezzor sono arrivate a combattere lo Stato Islamico a Dashisha. L’operazione Round Up ha tolto finora allo Stato Islamico 12 villaggi e 19 insediamenti

Le SDF a Deir Ezzor sono arrivate a combattere Daesh a Dashisha. Le forze dell’operazione Round Up hanno tolto allo Stato Islamico i villaggi di Safiyan, Al-Khabirah, Al-Hajlah, Hussein Al-Hajlah, Al-Awadat e Umm Mahfur. Questi sono siti lungo la strada che dalla Siria arriva all’Iraq passando per il valico di Makhfar Tall Asfuk. Prima avevano preso Al-Khwaybirah. L’avanzata è stata coperta col sostegno aereo della Coalizione Internazionale e dei caccia di Baghdad, che tengono la pressione ai massimi livelli sul quadrante e non solo. Qualche ora fa, infatti, c’è stato un raid sul alcune postazioni Isis a Baghuz, completamente distrutte. Dalla ripresa di Jazeera Storm (Cizire Storm), le truppe arabo-curde hanno conquistato 12 villaggi e 15 insediamenti, cacciando i jihadisti. Inoltre, sull’asse orientale (quello nella Middle Euphrates Valley, MERV) hanno preso 9 chilometri di territorio, mentre su quello occidentale 13.

L’esercito siriano (SAA) passa al contrattacco contro Daesh nel deserto di Badiya, dove si sono rifugiati anche i fuggiaschi da Yarmouk e Suweida

Intanto, l’esercito siriano (SAA) a Deir Ezzor sembra sia passato alla controffensiva verso Isis, dopo l’ondata di attacchi quasi quotidiani subiti a Mayadeen e Abu Kamal (Al Bukamal) da parte del Daesh. I militari di Damasco hanno cominciato a colpire postazioni dello Stato Islamico all’interno del deserto di Badiya, dove si erano rifugiati anche i miliziani fuggiti da Yarmouk dopo un accordo col regime di Bashar Assad e dal nord est di Suweida. La risposta dei jihadisti non si è fatta attendere. Dopo alcune ore dall’inizio delle manovre del SAA, hanno tentato di conquistare presidi dei soldati tra Humaymah, la base T2, Muayzilah nell’area tra Homs e Deir Ezzor. Le truppe, però, sono riuscite a respingere le ondate di fondamentalisti e a ricacciarli nel deserto.