skip to Main Content

Siria, le SDF a Baghouz chiudono Isis in una lingua di terra lungo l’Eufrate

Siria, Le SDF A Baghouz Chiudono Isis In Una Lingua Di Terra Lungo L’Eufrate

Isis a Baghouz è stato schiacciato dalle SDF in una piccola lingua di terra fino all’Eufrate. Jazeera Storm ha praticamente conquistato la tendopoli dello Stato Islamico, nonostante le tattiche disperate dei miliziani

Isis a Baghouz è schiacciato in una piccola lingua di terra della tendopoli fino all’Eufrate. Le truppe di Jazeera Storm ieri hanno lanciato un attacco a sorpresa all’accampamento, togliendo la gran parte del terreno ai miliziani dello Stato Islamico e chiudendoli letteralmente lungo il fiume. I jihadisti Daesh stanno ricorrendo a ogni trucco possibile per cercare di guadagnare tempo. Dall’usare le ultime famiglie rimaste nell’area come scudi umani al vestirsi da donne per effettuare attentati o tentare la fuga. Le loro tattiche, però, non hanno effetto. I combattenti siriani, infatti, hanno conquistato in breve tempo circa l’80% della zona, arrestando centinaia di fondamentalisti IS denutriti, malati o feriti negli scontri. Rimane da bonificare solo l’ultima fetta di territorio, nonché la rete di tunnel, e poi la battaglia a Deir Ezzor sarà ufficialmente vinta.

Deir Ezzor verrà dichiarata libera solo dopo che Baghouz sarà stata bonificata. Intanto si arrende la più lunga fila di sempre di jihadisti Daesh

Le SDF, prima di formalizzare la vittoria contro Isis a Baghouz e la fine dello Stato Islamico a Deir Ezzor vogliono essere sicuri che non ci siano minacce all’orizzonte. Le forze di Jazeera Storm, infatti, hanno subito cominciato a bonificare la tendopoli e i tunnel sottostanti per evitare i rischi di attacchi alle spalle, come quello che ha causato la morte del volontario italiano Lorenzo Orsetti. Numerosi jihadisti dello Stato Islamico si sono nascosti nella rete di condotti sotterranei per evitare la cattura. Molti nell’ottica di fuggire appena si prospetterà un’opportunità. Altri, invece, per colpire i combattenti siriani senza essere avvistati in anticipo. Intanto, continuano le rese di massa Daesh alle forze arabo-curde. Nelle ultime ore centinaia di miliziani si sono consegnati al nemico, in quella che è stata definitiva la più grande fila di sempre di estremisti che hanno gettato la spugna.

La fila interminabile dei miliziani Daesh arresi a Baghouz. Credits: Mohammed Hassan

 

Back To Top