skip to Main Content

Siria, le milizie pro-Turchia alzano il tiro e prendono di mira gli alleati

Le milizie pro-Turchia alzano il tiro e prendono di mira gli alleati. La Brigata Ansar Abu Bakr al-Siddiq rivendica l’attentato con uno IED contro le TAF a Idlib. E’ la conferma che i gruppi vicini ad Ankara sono sempre più nervosi

Le milizie pro-Turchia nel nord della Siria alzano il tiro e prendono di mira gli alleati. Nelle scorse ore la Brigata Ansar Abu Bakr al-Siddiq ha rivendicato un attentato contro un convoglio delle TAF a Idlib, lungo la Idlib-Ariha road vicino al villaggio di al-Mastumah. I mezzi sono stati investiti dall’esplosione di uno IED, che ha causato diversi feriti e danni a un veicolo. Formalmente è la risposta all’uccisione di una donna da parte delle guardie di frontiera di Ankara nei pressi di Isqat. In realtà si ritiene che sia un messaggio ben preciso: tornate a fornirci aiuti oppure continueremo. Peraltro, la stessa fazione aveva già colpito a marzo contro gli stessi bersagli e con la medesima tecnica. L’accaduto è un ulteriore conferma che la situazione nella provincia è sempre più calda e che la guerra tra le milizie non accenna a concludersi. Anzi.

Back To Top