skip to Main Content

Siria, le milizie pro-Turchia a Nord cominciano a perdere il controllo

Le milizie pro-Turchia a Nord cominciano a perdere il controllo. Dopo le purghe di HTS a Idlib, arrivano gli scontri interni nella al-Hamza Division. Tutti si combattono per gli aiuti di Ankara

Le milizie pro-Turchia nel nord della Siria cominciano a perdere il controllo. Prima, Hayat Tahrir al-Sham (HTS) ha lanciato una campagna di purghe a Idlib contro esponenti di fazioni rivali, considerati pericolosi. Poi gruppi della al-Hamza Division si sono combattuti tra loro per ore nell’area di Afrin. La guerra interna tra le formazioni alleate delle TAF, come prevedibile, sta registrando una rapida escalation. Ankara, infatti, ha ridotto ancora i già esigui aiuti che invia ai “partner” locali” e che sono distribuiti in via esclusiva da HTS, che decide chi “premiare” e chi “punire”. Ciò ha scatenato una feroce guerra, anche all’interno delle stesse compagini, per la sopravvivenza, ulteriormente esacerbata dall’aumento del pressing da parte dell’esercito di Damasco (SAA) e della Russia. Ora si teme che questo conflitto silenzioso, finora gestito con difficoltà, diventi incontrollabile. In particolare con l’arrivo dell’inverno, che ridurrà la disponibilità di risorse in tutto il Paese mediorientale.

Back To Top