skip to Main Content

Siria, le forze turche e il SAA si scambiano colpi d’artiglieria ad Afrin

Siria, Le Forze Turche E Il SAA Si Scambiano Colpi D’artiglieria Ad Afrin

Le forze turche-FSA e l’esercito siriano si scambiano colpi d’artiglieria a Nubl. Intanto, Olive Branch avanza a sud

Ad Afrin le forze turche e il FSA hanno avuto uno scambio di colpi d’artiglieria con l’esercito siriano (SAA) nell’area di Nubl, a nord di Aleppo. Ciò dopo che Olive Branch ha conquistato altri 3 villaggi, precedentemente in mano al SAA e si è così avvicinata ancora ai soldati di Damasco. La distanza tra i due contingenti, diminuisce ancora. L’unica località che separa le rispettive truppe è Burj al Qas. I militari di Ankara e la milizia continuano anche a dirigersi verso sud. Tanto che hanno assunto il controllo di alcune zone, tra cui Baay e Basufan, arrivando alla periferia di Kbasin e vicino a Fafertin. Una volta presa anche questa zona, arriveranno al punto di osservazione turco a Jabal Aqil. Intanto, la popolazione locale – fuggita durante il conflitto Olive Branch-YPG/SDF – comincia a tornare alle proprie case ad Afrin. In molti, però, lamentano denunciano che sono state saccheggiate.

A Ghouta orientale in corso evacuazioni di civili e ribelli da Harasta. A breve vi entrerà il SAA. I soldati, però, non riescono a cacciare Daesh da Qadam

Parallelamente, migliaia di persone fuggono da Ghouta orientale, a seguito dell’invasione di terra dell’esercito siriano. Tra questi ci sono anche molti feriti, evacuati con pullman. Il primo convoglio, con circa 1.500 abitanti locali, ha lasciato Harasta nelle ultime ore. Anche i ribelli, sembra dopo un accordo con il SAA, stanno evacuando la città. In giornata le truppe di Damasco dovrebbero entrarvi e assumerne ufficialmente il controllo. Nel frattempo, ci sono stati nuovi raid su Douma, Irbin e Ayn Tarma. Dopo poco, quest’ultima città – secondo diverse fonti – è stata conquistata dall’esercito. Non si sblocca, invece, la situazione a Qadam dove lo Stato Islamico controlla la maggior parte del distretto e avanza. I soldati hanno lanciato diversi contrattacchi contro Daesh, ma sono stati respinti e ne hanno subiti loro stessi.

Back To Top