skip to Main Content

Siria, le forze della Turchia ad Afrin sono a un passo dal SAA

Siria, Le Forze Della Turchia Ad Afrin Sono A Un Passo Dal SAA

Olive Branch è molto vicina al SAA. Se entrassero in contatto, si rischia lo scoppio di una guerra tra la Siria e la Turchia

Le forze della Turchia e il FSA ad Afrin sono giunti a un passo dall’esercito siriano (SAA) nella provincia. Olive Branch nelle ultime ore ha cacciato YPG/SDF da Barad e ora solo Burj al Qas separa le truppe dal SAA, schierato a Nubl e Zahra. Peraltro, sui social media sono apparse notizie circa un bombardamento dell’artiglieria di Ankara su obiettivi governativi di Damasco nella zona e a Tal Rifaat. Sembra anche che le milizie pro-Assad abbiano attaccato il villaggio di Kanyar, dove si trovano assetti di Olive Branch. Al momento, comunque, non ci sono conferme ufficiali in relazione a entrambi gli episodi. Nella zona, però., la tensione è molto elevata. Si teme, infatti, che i due contingenti possano a breve entrare in contatto. A quel punto con ogni probabilità si innescherebbe un botta e risposta che potrebbe portare a una vera e propria guerra tra i due paesi.

Damasco bombarda Ghouta orientale e Idlib. Inoltre, l’esercito siriano cerca di respingere lo Stato Islamico a Qadam

Intanto, a Ghouta orientale Damasco continua a bombardare le zone sotto il controllo dei ribelli. Da Douma ad Harasta, passando per Irbin e Zamalka. Parallelamente, l’esercito siriano prosegue l’offensiva di terra ad Ayn Tarma e sta ultimando i preparativi per l’invasione di alcune zone nell’enclave. Inoltre, ha respinto un contrattacco di Jaish Islam a Misraba e sta cercando di respingere lo Stato Islamico a Qadam. Daesh, infatti, ha conquistato buona parte del distretto a sud della capitale e avanza ancora, dopo aver ucciso numerosi soldati. Inoltre, i miliziani hanno imposto la loro legge all’interno del campo profughi di Al-Yarmouk. tanto che nelle ultime ore hanno giustiziato due persone con l’accusa di apostasia. Parallelamente, il SAA attacca i ribelli anche a sud di Idlib, per evitare che questi possano spingere verso Hama e allargare la loro area di influenza.

Back To Top