skip to Main Content

Siria, la Turchia va avanti ugualmente nonostante il veto di Russia e USA

La Turchia va avanti ugualmente in Siria nonostante il veto di Russia e USA. Ankara continua a inviare rinforzi e rifornimenti alla prima linea a Idlib e Manbij. Damasco fa altrettanto, mentre le SDF rafforzano le postazioni. La tensione è alle stelle

La Turchia in Siria va avanti spedita, nonostante i multipli avvertimenti della Russia (giunti anche alle milizie alleate di Ankara) e degli Stati Uniti. Le TAF negli ultimi giorni hanno ricevuto almeno tre convogli di rifornimenti e rinforzi che da Kafr Lucien si sono diretti all’area meridionale di Idlib e a Manbij, a est di Aleppo. Allo stesso tempo, Damasco ha inviato nell’area nuove unità dell’esercito (SAA) e armi pesanti, scortate dai militari russi. Inoltre, le SDF curde stanno rafforzando le loro postazioni vicino alla prima linea. La tensione nel paese mediorientale è alle stelle: si teme che la Turchia possa lanciare effettivamente una nuova offensiva simile a Peace Spring, forse già in agosto. Non a caso, gli USA stanno costruendo basi operative avanzate (FOB) in Kurdistan per aiutare le forze locali a contrastare l’invasione, mantenendo intatte le loro linee difensive.

Back To Top