skip to Main Content

Siria, la Turchia torna ad attaccare direttamente il Kurdistan

La Turchia torna ad attaccare direttamente il Kurdistan. I bersagli sono sempre le postazioni delle SDF nell’area di Ain Issa. Questa volta a colpire è l’artiglieria delle TAF. Come reagirà la Russia?

La Turchia, dopo i bombardamenti aerei a Sayda, torna ad attaccare direttamente le SDF in Kurdistan. Questa volta le TAF hanno usato l’artiglieria. L’obiettivo sono state alcune postazioni delle forze arabo-curde nell’area di Hawashan (Ain Issa), prese di mira da diversi razzi. Inoltre, c’è stato un nuovo tentativo di infiltrazione da parte delle milizie pro-Ankara. Un commando del gruppo “Suleiman Shah” è penetrato nel villaggio di Debes, uccidendo sette membri del Consiglio Militare di Raqqa, e poi è fuggito. Gli eventi sono la conferma che i raid su Sayda non sono casi isolati. Resta da capire quale sarà ora la reazione delle comunità internazionale e in particolare della Russia, garante della tregua nel quadrante. Si ritiene, infatti, che la Turchia si prepari a un’offensiva nella regione, nonostante le rassicurazioni fornite da Ankara a Mosca.

Back To Top