skip to Main Content

Siria, la Turchia pianifica operazione sulla M4 da Idlib al Kurdistan

La Turchia pianifica un’operazione lampo per assumere il controllo della M4 da Idlib ad Ain Issa. Ecco perché le TAF smobilitano gli observation point e si concentrano a Zawiya

La Turchia pianifica un’operazione per assumere il controllo della M4 da Idlib fino ad Ain Issa in Kurdistan. Ne sono convinti gli analisti, secondo cui la strategia di smobilitazione degli observation point e di ammassamento di forze a Zawiya ha un obiettivo ben preciso. Da una parte, evitare che l’esercito siriano (SAA) conquisti Barah e si avvicini troppo all’autostrada. Ciò per non perdere la libertà di movimento ed evitare il rischio di attacchi alle spalle. Dall’altra, Ankara vuole contare su un numero ingente di militari e assetti per portare avanti una campagna “lampo”, evitando quindi di impantanarsi in un conflitto statico che alla lunga sarebbe svantaggioso e con poche chances di successo. Non a caso, negli ultimi tempi si sono moltiplicati i tentativi di infiltrazione verso la M4 da parte di miliziani alleati delle TAF, che dovrebbero preparare il terreno e fungere da antenne per anticipare i movimenti del nemico.

Ankara, però, deve fare presto. Altrimenti rischia di impantanarsi in un conflitto statico che avvantaggerebbe solo le SDF del Kurdistan

La Turchia, infatti, sa bene che l’unica possibilità di assumere il controllo della M4 è con un’operazione lampo. Una manovra che non dia alle SDF curde il tempo di organizzarsi per reagire e per chiedere aiuto ai partner internazionali. D’altronde, nei riguardi del Kurdistan Ankara ha le mani libere, almeno con la Russia. Gli accordi di tregua con Damasco, infatti, riguardano solo Idlib e non il Nord-Est della Siria. Inoltre, Inherent Resolve e gli Stati Uniti non possono distrarre più di tante risorse dalla lotta a Isis, che cerca di approfittare di ogni occasione per rialzare la testa. In caso di un conflitto prolungato, invece, ci sarebbero i tempi e i modi per far arrivare rinforzi nell’area e cristallizzare quindi la situazione.

Back To Top