skip to Main Content

Siria, la Russia è in Guerra con l’Iran per i reclutamenti nell’Est

La Russia è in Guerra con l’Iran per i reclutamenti nell’Est della Siria. L’Ottava Brigata apre un ufficio a Palmyra e suoi emissari incontrano i capi tribali per convincerli a far arruolare i loro giovani. Ad Hasaka si punta sulle NDF

La Russia interviene per fermare l’espansione dell’Iran nell’Est della Siria. Lo fa aprendo un ufficio di reclutamento dell’Ottava Brigata a Palmyra, nel quartiere del partito Al-Ba’ath Party, vicino alla sede dell’intelligence di Damasco. Obiettivo: togliere personale alle milizie sciite, offrendo a chi si arruola condizioni economiche migliori e ulteriori benefit. Tra questi c’è anche una sorta di amnistia. A questo proposito, emissari della Brigata sono stati inviati anche presso le tribù locali per parlare con gli elder e convincerli ad autorizzare che i loro uomini, specialmente i giovani, presentino domanda di ammissione. Come dono aggiuntivo, gli inviati portano con sé cibo e medicinali da donare ai villaggi locali. Iniziative analoghe sono in corso anche ad Hasaka. Qui, però, l’obiettivo è diverso: far sì che i membri delle National Defence Forces (NDF) lavorino per gli interessi di Mosca.

Back To Top