skip to Main Content

Siria, la Russia cerca di migliorare la sua immagine dopo l’invasione dell’Ucraina

La Russia cerca di migliorare la sua immagine dopo l’invasione dell’Ucraina. Mosca distribuisce generi di prima necessità, da Damasco a Deir Ezzor. Obiettivi: facilitare i reclutamenti di uomini da inviare contro Kiev e ridurre i rischi di proteste o attacchi

La Russia cerca di migliorare la sua immagine in Siria dopo l’invasione in Ucraina. I militari di Mosca negli ultimi giorni hanno cominciato a distribuire cibo e altri generi di prima necessità nelle loro aree d’influenza nel paese mediorientale, da Damasco fino a ovest di Deir Ezzor, senza un motivo apparente. In diversi villaggi si sono presentati improvvisamente convogli con scorte per tutti gli abitanti. Inoltre, una delegazione delle forze russe ha visitato le chiese e i siti cristiani a Ma’lula (Rif Dimashq), fornendo anche assistenza al vicino monastero di Mar Taqla. L’obiettivo è duplice: da una parte facilitare i reclutamenti di uomini da mandare a combattere contro Kiev. Dall’altra, ridurre i rischi l’invasione in Ucraina provochi reazioni anche in Siria. In particolare, si temono proteste o attacchi alle basi e alle truppe della Federazione, sobillati dalle milizie locali.

 

Back To Top