skip to Main Content

Siria, la nuova area di operazioni SDF contro Isis è dalla M4 ad Abu Kamal

Siria, La Nuova Area Di Operazioni SDF Contro Isis è Dalla M4 Ad Abu Kamal

Siria, la nuova area di operazioni SDF contro Isis è dalla M4 ad Abu Kamal. Sopra, fino al confine con la Turchia, la sicurezza sarà affidata ai soldati russi

La nuova area di operazioni delle SDF e di Inherent Resolve contro Isis nell’Est della Siria va da Abu Kamal, al confine con l’Iraq, fino alla strada M4 (chiamata la “international road”). Lo ha confermato il portavoce delle forze curde, Kino Gabriel, annunciando che nelle scorse ore c’e stato un ri-schieramento dei combattenti in ogni area della regione: Hasakah, Qamishli, Derik e Deir Ezzor. Ciò a seguito dell’accordo con la Russia, in base al quale Mosca invierà soldati nelle città di confine di Ain Issa, Tal Tamr e Amuda. Nel quadrante proseguiranno quindi le operazioni per smantellare le cellule dormienti dello Stato Islamico, garantire la sicurezza interna e delle strutture vitali (installazioni petrolifere e le carceri), nonché proteggere i civili dagli attacchi Daesh. Sopra, fino al confine con la Turchia, la sicurezza sarà affidata ai soldati russi.

Le forze curde e Inherent Resolve aumentano le operazioni contro Daesh a Deir Ezzor e nell’Est per proteggere la popolazione locale. Soprattutto dopo che molte famiglie stanno lasciando i campi e tornando alle proprie case

Le SDF e la Coalizione Internazionale stanno incrementando le offensive contro Isis a Deir Ezzor e nelle provincie vicine per uno scopo ben preciso: proteggere gli abitanti dell’area. Ciò in quanto molte famiglie, che finora vivevano nei campi, stanno tornando nelle loro case nella regione siriana. Da Al-Hol, per esempio, ne sono state ricollocate nelle scorse ore 62 per un totale di 398 persone. Sono semplici civili, che non avevano nulla a che fare con lo Stato Islamico. Di conseguenza, non rappresentano un pericolo. Anzi, sono loro stessi a rischio degli attacchi Daesh. I jihadisti, dopo la nomina di Qurayshi come nuovo Califfo, hanno infatti aumentato i raid e gli attentati. Soprattutto contro i civili, che presentano rischi minori rispetto alle SDF ma che sono altrettanto “paganti” sul versante della propaganda. Inoltre, c’è un maggiore uso delle bombe artigianali (IED), per risparmiare risorse (miliziani) e cercare di colpire comunque i nemici.

Back To Top