skip to Main Content

Siria, Isis perde 45 elementi in un maxi raid delle SDF a Deir Ezzor

Siria, Isis Perde 45 Elementi In Un Maxi Raid Delle SDF A Deir Ezzor

Isis ha perso almeno 45 membri tra Busayrah, Shahil e Dhiban nel corso di un’operazione ancora in corso per smantellare le reti logistiche e di supporto allo Stato Islamico

Almeno 45 miliziani Isis sono stati arrestati nelle scorse ore dalle SDF a Deir Ezzor. E’ il bilancio di un’operazione mirata, ancora in corso, che le forze speciali curde (HAT), insieme a Inherent Resolve, hanno lanciato contro le cellule di facilitatori dello Stato Islamico tra Busayrah, Shahil e Dhiban. Le manovre hanno coinvolto sia assetti terrestri sia aerei. Tra i jihadisti Daesh catturati, peraltro, ci sono anche leader importanti, considerati strategici per i network logistici e di sostegno ai fondamentalisti nell’est della Siria. L’area, infatti, è quella più usata da IS per infiltrarsi nella regione attraverso l’Eufrate. Qui i terroristi sono nascosti dai gruppi locali e poi trasportati verso l’interno, oppure al confine con l’Iraq, dove vengono persi in consegna da altri facilitatori che li scortano alle loro destinazioni finali.

Le SDF e Inherent Resolve stanno aumentando il pressing su Daesh a Deir Ezzor e nell’est della Siria per ridurre la capacità operativa dei jihadisti

Le SDF e Inherent Resolve da tempo stanno aumentando il pressing su Isis a Deir Ezzor proprio per smantellare le reti logistiche e di supporto ai jihadisti. Ciò per ridurre la capacità operativa dei miliziani dello Stato Islamico. L’obiettivo è diminuire gli attacchi Daesh nell’est della Siria sia contro la popolazione sia contro le forze arabo-curde. Inoltre, tenendo impegnati i miliziani, si evita che questi possano organizzarsi per colpire le infrastrutture critiche nella regione, come i giacimenti energetici o i campi dove sono detenuti decine di migliaia di foreign fighters IS e le loro famiglie. Primo tra tutti quello di Al-Hol, che più volte è stato oggetto di tentativi di raid dei terroristi. A questo processo partecipa anche la Coalizione Internazionale, che sta rafforzando ulteriormente la sua presenza fisica nel quadrante.

Back To Top