skip to Main Content

Siria, Isis nel caos ad Hajin: lo Stato Islamico giustizia 9 comandanti

Isis ad Hajin è nel caos totale. Lo Stato Islamico giustizia 9 comandanti, che avevano tentato la fuga dalla roccaforte a Deir Ezzor per l’avvicinarsi dell’offensiva SDF

Isis ad Hajin  è sempre più nel caos. I jihadisti dello Stato Islamico nelle scorse ore hanno giustiziato 9 alti comandanti nella roccaforte a deir Ezzor per alto tradimento. Sembra che abbiano tentato di fuggire, rubando anche denari dalla cassa del gruppo, a seguito dell’inizio dell’offensiva delle SDF nella zona. L’Operazione Round Up (Jazeera Storm), infatti, sta stringendo il cerchio sul Daesh con attacchi dell’artiglieria e dei caccia internazionali. A seguito di ciò, sono in aumento le fughe di massa dei miliziani verso l’Iraq o il deserto di Badia. Tanto che le ISF di Baghdad intercettano su base quotidiana defezionisti della formazione che cercano di attraversare i confini della Siria, soprattutto a sud est nel deserto di Abu Kamal. Peraltro, non si tratta solo di semplici combattenti, ma anche dei capi che non si fanno scrupolo di abbandonare i loro uomini per salvarsi la vita.

L’esercito siriano (SAA) divide la sacca di resistenza Daesh a Suweida in due e si prepara a lanciare l’offensiva nel deserto di Badia

Intanto, l’esercito siriano (SAA) a Suweida ha diviso la sacca di resistenza Isis in due entità separate e isolate. Inoltre, si prepara ad attaccare i miliziani dello Stato Islamico nel deserto di Badia. Nell’area tra Mayadeen e Abu Kamal, infatti, stanno confluendo rinforzi per allestire l’offensiva contro Daesh tra Deir Ezzor e Homs. Le manovre dovrebbero partire a settembre, anche se non si sa ancora se all’inizio o verso metà del mese. Nel frattempo, i soldati con raid e azioni mirate hanno ridotto le capacità di attacco dei jihadisti nella zona. Anche se i terroristi continuano comunque a effettuare azioni spot nell’area contro postazioni del nemico, allo scopo di creare un corridoio di fuga e aumentare il territorio controllato.

Back To Top