Siria, Isis a Deir ez-Zor sta per essere cacciato anche a ovest dell’Eufrate

Siria Isis Isil Hajin Bahrah Abukamal Albukamal Curdi Hama Shafah Hts Hayattahriralsham Turchia Afrin Esercitosiriano Nusra Aleppo AbuDuhur Idlib Abuduhur Hts Hayattahriralsham Daesh Statoislamico Deirezzor Eufrate Sdf Cizirestorm Saa Aljazeera Tigerforces Esercitosiriano Merv Raqqa Saa

La sconfitta di Isis lungo la sponda occidentale dell’Eufrate avverrà a sud di Al-Jalaa

Isis è stato quasi cacciato anche dall’area a ovest lungo l’Eufrate da Deir ez-Zor ad Abu Kamal (Al Bukamal). A est è già avvenuto a opera delle SDF. Le Tiger Forces dell’esercito siriano (SA) hanno conquistato la città di Al-Jalaa e 8 villaggi, tra cui Ramadi e Buq’an. Inoltre, si sono schierate 12 chilometri a sud dei centri abitati, in attesa di ricongiungersi con l’asse del SAA che sta risalendo il fiume da Abu Kamal, al confine con l’Iraq. Una volta uniti i due contingenti, Daesh nel quadrante sarà diviso in due gruppi separati e isolati. Uno a occidente nel deserto, fino alla base militare T3. L’altro a oriente nella Middle Euphrates Valley (MERV). Intanto, l’aeronautica e l’artiglieria di Damasco stanno bombardando alcune postazioni dello Stato Islamico nella zona. In particolare ad Hajin, per evitare possibili tentativi di infiltrazione e contrattacco a sorpresa da parte dei jihadisti.

Cizire Storm attacca Isis lungo la strada da Suwayr ad Ash Shaddaday, mentre ricostruisce Raqqa e si occupa dei civili a Deir ez-Zor

Nel frattempo, le SDF dell’operazione Cizire Storm (Al Jazeera) hanno lanciato un’offensiva a nord est di Deir ez-Zor ai margini della Middle Euphrates Valley. I combattenti siriani stanno combattendo presso il villaggio di Suwaidan, lungo la strada da Suwayr ad Ash Shaddaday. In 3 giorni hanno eliminato 72 miliziani Daesh, arrestandone altri 5 e sequestrando numerose armi e munizioni. Parallelamente, continuano il lavoro per bonificare Raqqa dagli ordigni posizionati dallo Stato Islamico e dalle macerie derivate dall’offensiva per liberare la città. Al momento i team di ricostruzione, di cui fa parte anche la popolazione locale, stanno lavorando ad Al-Maamoun, Brazzy, Al-Jezra, Al-Mukhtalata e Sef Al-Dawla. Prossimo passo sarà Rumiyah. Inoltre, c’è stato un incontro con gli elders e i capi tribù a Deir ez-Zor per discutere la situazione dei civili nell’area. In particolare le loro esigenze più urgenti.