Siria, Isis a Deir ez-Zor ha perso tutta l’area lungo l’Eufrate fino all’Iraq

Siria Deirezzor Hajin Hts Idlib Saa Esercitosiriano Iraq Giordania Turchia Eufrate Merv Iraq Abukamal Albukamal Saa Tigerforces Cizirestorm Aljazeera Sdf Isis Isil Daesh Statoislamico Is Mayadeen Raqqa Albaghdadi

Le SDF tolgono a Isis Suwaydan Jazira e l’esercito siriano Safsafa

Isis a Deir ez-Zor ha quasi perso tutta l’area lungo l’Eufrate fino ad Abu Kamal (Al Bukamal). Daesh tra le due sponde del fiume controlla solo 3 centri abitati: Abu Hamam, Khara’ij e Ash Sha’fah. Per il resto tuto il territorio è stato conquistato dalle SDF di Cizire Storm (Al Jazeera) e dall’esercito di Damasco (SAA). I primi stanno operando a est e hanno cacciato lo Stato Islamico da Suwaydan Jazira. Inoltre, sono scesi ulteriormente a sud. Tanto da dichiarare libera la sponda occidentale dell’Eufrate. Il SAA, invece, opera a ovest. L’ultimo centro abitato a essere preso è stato Safsafa, dopo altri 8 nella zona. Questo è vicino a Salhiya, nei pressi di Ab Kamal. I soldati, peraltro, continuano ad avanzare e hanno attaccato al-Qataa.

È imminente l’operazione nella Middle Euphrates Valley per sconfiggere definitivamente Isis in Siria

L’obiettivo delle SDF e del SAA è dividere Isis in due gruppi separati e isolati. Uno a est dell’Eufrate, nella zona desertica fino alla base T3 dell’esercito siriano. L’altro, a ovest nella Middle Euphrates Valles (MERV) al confine con l’Iraq. Qui Daesh combatterà la battaglia finale per la sopravvivenza non solo in Siria e nel paese vicino, ma anche in tutto il Medio Oriente. Baghdad, infatti, sta spingendo pesantemente contro lo Stato Islamico nella regione di Al Jazeera tra Anbar, Salahuddin e Nineveh. Si lavora per schiacciare i jihadisti alla frontiera, togliendo loro ogni possibile via di fuga o rotta di sostegno. Le manovre su questo versante sono inoltre state quasi completate. La conferma ufficiale, comunque, la darà il premier Haider al-Abadi. La vittoria, infatti, coinciderà con l’annuncio che l’Iraq ha sconfitto ufficialmente Isil e che la nazione è libera dai miliziani.