skip to Main Content

Siria, Isis cerca a tutti i costi di togliere Gharanij alle SDF

Siria, Isis Cerca A Tutti I Costi Di Togliere Gharanij Alle SDF

A Deir ez-Zor Isis prosegue l’offensiva contro le SDF a Gharanij, ma Cizire Storm è passata alla contrattacco

A Deir ez-Zor, Isis continua a lanciare attacchi contro le SDF per tentare di riprendere Gharanij. Le forze di Cizire Storm (Al Jazeera), però hanno respinto tutte le ondate di aggressioni Daesh e sono passate alla controffensiva. Nelle ultime ore hanno ripreso parte delle postazioni conquistate dai miliziani e avanzano nella zona rurale ai margini della città. E’ qui, infatti, che si sta combattendo la battaglia più dura tra i combattenti siriani e i miliziani. Lo Stato Islamico è riuscito a distruggere alcuni mezzi delle truppe a guida curda nella zona e a Bahrah. Ma queste hanno reagito, obbligando i terroristi a fuggire ripiegando più a sud. Intanto, nel nord del paese continuano ad arruolarsi nuove reclute che andranno a ingrossare le fila delle SDF. Negli ultimi giorni ha preso il via un nuovo corso di addestramento a cui partecipano decine di persone, uomini e donne.

Il SAA prende terreno contro Isis e HTS ad Aleppo e Idlib, ma non riesce ad avanzare ad Abu Duhur. Tenta di unire i fronti a est della base aerea militare

L’esercito siriano (SAA), prosegue, prosegue l’offensiva contro Isis e Hayat Tahrir al-Sham (HTS) tra Aleppo, Idlib e Hama. Nella prima provincia i soldati di Damasco hanno conquistato Masih e Tell Masih. Nella seconda, hanno cacciato HTS e Daesh da Tal Maraq, Tal Jaduyah, Saloumiyah e Sham Hawa. Il SAA, però, non riesce a compiere progressi significativi in direzione della base aerea militare di Abu Duhur. I militati hanno ripiegato su un’alternativa. Unire i due assi a est dell’aeroporto, distanti a oggi circa 7 chilometri. Ciò per creare un corridoio sicuro e un fronte stabile per l’offensiva contro la struttura. Lo Stato Islamico, però, ha tolto ai militari alcune posizioni a Sinjar. Rimane, invece, ferma la campagna a sud di Deir ez-Zor, dove non ci sono state novità di rilievo. Le truppe mantengono i presidi nella zona di Abu Kamal (Al Bukamal) senza tentare di avanzare contro i miliziani.

 

Back To Top