skip to Main Content

Siria, Isis arretra contro le SDF a est dell’Eufrate. Hajin assediata

Le SDF attaccano Isis ad Hajin da 2 assi e il SAA riprende il controllo dell’autostrada Deir ez-Zor–Abu Kamal

Isis sta arretrando contro le SDF ad Hajin, a sud di Deir ez-Zor. Le forze dell’operazione Cizire Storm (Al Jazeera) nelle ore precedenti hanno cacciato Daesh dal villaggio di al-Jurdi, uccidendo 16 miliziani, e poi si sono diretti verso la città. Questa, sita sul versante orientale dell’Eufrate, è stata attaccata da due assi, che ora stanno progredendo verso il centro. L’avanzata dei combattenti siriani è coperta dai raid aerei della Coalizione Internazionale, che da due giorni attacca le postazioni dello Stato Islamico nell’area. Intanto, le truppe hanno anche catturato Jaras Sharqi, eliminando 42 jihadisti a fronte di un’unica perdita. Intanto, il SAA e i suoi alleati cominciano a fare progressi nelle zone perse recentemente. Nelle scorse ore è stato tolto a Isil il controllo dell’autostrada Deir ez-Zor–Abu Kamal (Al Bukamal).

A Raqqa scoperto un centro di produzione media Isis con tanto di tute arancioni

Parallelamente alle manovre sul terreno a Deir ez-Zor, prosegue a Raqqa la bonifica della città dalle mine e dalle trappole esplosive Isis. Le SDF e gli specialisti, però, oltre agli ordigni scoprono spesso nuove strutture Daesh. Alcune giudicatw di grande interesse. È il caso di un edificio nel quartiere di al-Ramilah, in cui combattenti siriani hanno trovato un intero centro di produzione media dei jihadisti. Al cui interno c’erano vari equipaggiamenti e attrezzature, documentazione e diverse tute arancioni. Molto simili a quelle fatte indossare dallo Stato Islamico ai prigionieri nei suoi video di propaganda. Tutto il materiale è stato catalogato e inviato agli esperti affinché sia analizzato. Ad al-Wadi, invece, è stato rinvenuto un deposito di munizioni fatte in casa per mortai di grande calibro. Ogni giorno, comunque, emergono nuove sorprese. Tanto che si stima in mesi il tempo necessario per ultimare la bonifica di Raqqa.

 

Back To Top